1. Aspettavo


    Data: 18/12/2020, Categorie: Sentimentali Autore: masterlucio, Fonte: EroticiRacconti

    Aspettavo
    
    Quella mattina mi sentivo particolarmente strano, non sapevo cosa fosse ma il mio pensiero era sempre lo stesso, non volevo rimanere solo come se aspettassi qualcuno si ma..chi?
    
    Girovagavo per la casa senza voler fare o pensare di fare qualcosa, feci una doccia mi vesti molto casual come sempre e uscii, girovagai per la città senza meta mi fermai ad un bar presi un caffè pagai e andai via, ma qualcosa mi aveva colpito già ma cosa, ero talmente distratto che non ricordavo cosa era stato.
    
    Scrollai le spalle e andai via continuando la passeggiata, entrai nel viale alberato, era l’inizio della primavera gli alberi si erano appena vestiti di foglie nuove e il colore del verde primaverile è fantastico le foglie giovani si divertivano con la leggera brezza che c’era, ma il mio pensiero tornava a cosa avevo visto, non ricordavo, continuai a passeggiare, d’improvviso ebbi la sensazione che qualcuno mi seguisse, senza dare nell’occhio vidi una panchina e con fare sicuro mi sedetti girando la testa nella sua direzione, c’era una ragazza che stava passando proprio davanti a me, aveva i capelli color rame lunghi alle spalle una faccia semplice e piena zeppa di lentiggine un nasino tipico delle rosse un po’ all’insù alla francese, una bocca carnosa con labbra disegnate a forma di cuore delle gambe perfette e il culetto ummm era stupendo all’altezza giusto ad occhio e croce era alta 170 cm, portava un paio di tacchi forse otto cm, passò senza guardarmi e continuò a camminare.
    
    Veramente ti eri illuso che quello splendore ti seguisse, ma poi non doveva essere il contrario? Comunque non ci pensai più stetti ancora un po’ seduto, poi mi alzai e continuai, si era fatto tardi non sapevo dove andare a mangiare a casa? In un bar? Non sapevo per me era una giornata senza senso qualsiasi cosa era buona.
    
    Cosi camminando mi trovai a passare davanti ad una trattoria, alla vista sembrava buona entrai un cameriere mi portò ad un tavolino piccolo solo per una persona o al massimo due, mi diede il menù e andò via, si aprì nuovamente la porta e vidi entrare la rossa del viale, allora non era una combinazione, era lei quello che avevo visto al bar, si guardò intorno come se cercasse qualcuno, alzai lo sguardo e con fare sicuro la invitai con un gesto al mio tavolo, sorrise e si sedette, chiamai il cameriere e gli dissi che eravamo due.
    
    Dimenticavo mi chiamo Diego sono alto 185 cm un fisico palestrato ho gli occhi color verde capelli castani non molto lunghi e sono ben dotato, almeno cosi dicono.
    
    Appena seduta mi presentai.
    
    Ciao mi chiamo Diego
    
    Io Luciana
    
    Come mai sei venuto in questa trattoria a mangiare? Gli risposi sai Luciana, oggi non volevo far niente di particolare e così girovagando per la città mi sono trovato a passare di qui e….ho fatto bene perché ti ho incontrata.
    
    Rise e si illuminò ancora di più il suo viso, tornò il cameriere ordinammo un primo e un secondo, fu tutto buono pagai e uscimmo insieme, continuando a ...
«1234»