1. La prima coppia non si scorda mai (terza ed ultima)


    Data: 17/10/2020, Categorie: Prime Esperienze Autore: NapoliDoc, Fonte: Annunci69

    ...continua...
    
    Ero ormai in estasi. Baciavo con passione Laura mentre Luca si dava da fare. Era una sensazione strana ma era bravo, e mi piaceva l'idea che finalmente ero io ad avere il polso del menage.
    
    Ad una certa Laura si staccò dalla mia lingua per mettersi dritta sul cazzo del marito. Mi prese una mano per portarsela sul clitoride mentre si muoveva lentamente, mentre mi stringeva i capezzoli con un sorriso da gran troia.
    
    - E bravo Luca! - Dissi con tono baldanzoso facendo un occhiolino a Laura.
    
    - Eh si - rispose lei - il mio maritino sa il fatto suo, ma un pò è anche merito mio, l'ho educato bene. -
    
    Detto ciò si girò, porgendomi come un dono il suo lato B. Lo fece con molta lentezza, di modo che potessi guardare con attenzione le sue curve, il suo corpo. Finchè non mi si pararano davanti le sue carni perfette.
    
    Un buchetto chiaro che sapevo essere solo all'apparenza stretto, perfetto. La fica profumata e madida di umori, con labbra rosee e lisce.
    
    - Prendilo dai, l'ho capito prima da come mi leccavi cosa vuoi, porco! - Mi disse, leggermente voltata verso di me.
    
    Senza farmelo dire due volte sfilai il cazzo dalla bocca di Luca, che non proferì parola. Era completamente assorto e concentrato nel lavoretto di bocca che quasi si risvegliò di botto.
    
    - Col tuo permesso, Luca - dissi mentre indossavo il preservativo e Laura ancheggiava come una ragazzina.
    
    - Il permesso te lo do io - disse Laura decisa. - Luca adesso deve fare solo il bravo assistente! - e nel farlo inarcò la schiena, poggiando di forza la fica in faccia a Luca ed aprendo il culo verso di me.
    
    Ancora una volta le infilai la lingua dentro per farmi strada, ma capii che non ce n'era bisogno, era già pronta.
    
    Ed infatti non ci volle molto prima che mi accogliesse dentro di se, completamente. Luca era lì sotto, ormai completamente passivo, a dedicarsi ora alla fica della moglie ora alle mie palle.
    
    Nel frattempo io e Laura eravamo ormai una cosa sola. Potevo sentire il suo corpo quasi risucchiarmi dentro, finchè, in arrivato in fondo, ero io a prendere il controllo, a spingere ancora per poi ritrarmi e ricominciare così il gioco a due. Lentamente incalzai il ritmo. Laura era ormai completamente aperta e godeva da matti, tenendo il cazzo di Luca in bocca, mugugnando di piacere.
    
    Ero particolarmente divertito dalla cosa. Concentrato sul far godere Laura, mi soffermavo a guardare la situazione. Il mio corpo lucido, le mie mani che stringevano ora i fianchi di lei, ora le sue spalle; la mia gamba alzata e divaricata per spingerle il cazzo dentro fino in fondo, la sua schiena sudata. Luca era anche lui in estasi, la cosa eccitava anche lui ed era evidente da quanto ansimava e dalla voracità con cui lo sentivo utilizzare bocca e lingua lì sotto.
    
    Laura venne, gemendo da gran troia. E così Luca, sui seni di Laura.
    
    Rimanevo io, essermi svuotato nella bocca di lei mi aveva dato la resistenza necessaria.
    
    - Adesso voglio che mi scopi in fica - disse ...
«123»