1. Freak 1: Adele, la donna barbuta


    Data: 14/10/2020, Categorie: Feticismo Autore: beast, Fonte: EroticiRacconti

    Quello che occupava il piazzale più ampio di Kensington non era un vero e proprio circo, si trattava più una serie di baracconi separati, ognuno dedicato ad una specifica attrazione.
    
    Questi baracconi attiravano un pubblico assi numeroso, del resto i diversi, gli scherzi di natura, i mostri, solleticano sempre la perfida curiosità dei più svariati individui.
    
    Comincerei questa serie di reportage parlando di una delle attrazioni meno raccapriccianti, la donna barbuta.
    
    Sarebbe anche potuta essere una bella donna, almeno per i canoni del tempo, con le curve giuste al posto giusto, e un adeguato grado di burrosità, due intensi occhi verdi, labbra carnose e un seno assai generoso.
    
    Peccato che contemporaneamente con il primo mestruo, sul volto della ragazza, avesse fatto la sua comparsa una bizzarra peluria.
    
    A nulla era servito raderla, perché la barba ricresceva più folta e robusta ad ogni colpo di rasoio.
    
    I genitori avevano pensato fosse una punizione del signore e dopo averla tenuta nascosta per un paio d’anni, l’avevano ceduta al proprietario del circo in cambio di una modesta somma in monete d’argento.
    
    Col tempo la barba era cresciuta rigogliosa ed ora ornava il viso della donna in un modo che avrebbe fatto invidia a molti uomini assai meno dotati in materia.
    
    Vista la sua caratteristica, uno potrebbe pensare che Adele, così si chiamava la donna, fosse lesbica, non era così, al contrario a lei piacevano gli uomini, e si circondava solo di quelli particolarmente attraenti e raffinati, che in gruppo o singolarmente venivano ammessi nella roulotte che lei utilizzava come abitazione.
    
    Potrà sembrare assurdo, ma non faceva alcuna fatica a trovare degli spasimanti di alto lignaggio, alcuni erano anche particolarmente eleganti e facoltosi, si sa, ci sono un sacco di uomini sessualmente attratti dal bizzarro e Adele poteva scegliere fra gli uomini più benestanti del regno che, in gran segreto, facevano la fila, dopo lo spettacolo, per avere accesso alla sua roulotte.
    
    Ultimamente ne frequentava assiduamente due particolarmente altolocati, il primo era il figlio di un nobile, la cui famiglia era da sempre tra le poche elette cui era concesso di frequentare la casa reale.
    
    Non era ancora sposato ma ufficialmente fidanzato con una gentildonna della alta nobiltà di campagna, figlia di grandi proprietari terrieri.
    
    Veniva a trovare Adele ogni giovedì sera, portandole enormi mazzi di rose rosse in cui usava nascondere piccoli pacchettini contenenti monili d’oro e pietre preziose che lei rivendeva prontamente ricavandone un sacco di denaro contante che metteva da parte per la vecchiaia.
    
    Questo giovane amava fare l’amore con Adele facendole indossare della biancheria femminile particolarmente ricercata, in modo da sottolineare ancora più il contrasto con l’aspetto maschile del suo volto, a volte le chiedeva di indossare esso stesso qualcuno di quei capi così leziosi, ma questo era un altro aspetto della sua sessualità stravagante ...
«123»