1. No space, no time.


    Data: 13/10/2020, Categorie: Sentimentali Autore: samas2, Fonte: EroticiRacconti

    Camminavo cercando il fiume, con l’anima devastata per un amore finito, mentre la luce già incerta del crepuscolo ulteriormente si affievoliva. Eccolo finalmente: scorreva maestoso e sulle acque limacciose si rifletteva la luce aranciata dei lampioni. Dal suo letto la bruma si diffondeva lentamente sulla città, con la cautela, ma l’inesorabilità di un esercito che uscendo dalla foresta prende possesso della pianura. Mi ritrovai a guardare dal ponte, attraverso un velo di nebbia, l’acqua che scorreva, ipnotizzata e attratta dal suo fluire, ritornare, ritorcersi in mulinelli. Un tuffo, il freddo, l’acqua su di me, l’oblio…no, almeno non subito.
    
    Mi addentrai in strade sconosciute nelle viscere di questa città divenuta per me sconosciuta, misteriosa, diversa; i passanti erano sempre più rari. Il percorso che inconsciamente seguivo salì fra edifici incombenti, stradicciole mal illuminate, lontane mille miglia dai suoni e dalla vita della città, vicoli deserti sempre più angusti come le stanze del mio cuore serrate dall’angoscia. Ormai non sapevo più dove mi trovassi, quando risate sguaiate, cattive, mi riportarono alla realtà: tre figure mi stavano seguendo ed erano in procinto di raggiungermi. Compresi quale sarebbe stato il mio destino. Non mi importava, in quel momento della mia vita, che mi appariva vuota e priva di senso, ma l’essere violata, quello non lo volevo. Ero terrorizzata. Cercai di sfuggire, ma invano: un vicolo cieco, inutile urlare , le loro mani su di me.
    
    Come si fosse palesata quella figura non riuscii a comprenderlo. Apostrofò i tre energumeni con voce ferma.
    
    - Lasciate andare la ragazza.
    
    - Da dove sei venuto non lo sappiamo, ma dove stai per andare questo si.
    
    Iniziarono a sghignazzare, estrassero i coltelli. Nella luce incerta del vicolo vidi il bel volto dello sconosciuto intervenuto in mia difesa, ma soprattutto fui catturata dai suoi occhi. Che sguardo! Fu come precipitare in un insondabile abisso, fatto dell’angoscia e della disperazione che riempivano il freddo del mio cuore; travolta, mi sentii annegare. Anche i tre fissarono quello sguardo inesorabile: il ghigno sparì dai loro volti; dapprima smarriti e poi atterriti, i coltelli caddero a terra con clangore metallico e loro, urlando, se la diedero a gambe levate. Occhi che avevano restituito l’orrore della loro anima ed essi ne erano stati sopraffatti.
    
    Affogavo nella disperazione della mia mente, ma un braccio mi trasse dal gorgo in cui sprofondavo. Lo sguardo dello sconosciuto ora era un lago quieto, mi sorrise.
    
    Mi prese per mano ed io mi lasciai condurre, un po’ trascinata, per un intrico di vie, su cui si affacciavano edifici di foggia inconsueta e sconosciuta, fino a una casa stretta fra le altre e ricoperta da rampicanti rigogliose e profumate. Entrammo e fui fra le sue braccia. Mi spogliò, accarezzò: mi lasciavo fare fiduciosa, senza imbarazzo; mi prese con una dolcezza appassionata che mai avevo e avrei provato. Felice e rilassata dopo ...
«12»