1. La cognatina


    Data: 24/11/2022, Categorie: Esibizionismo, Autore: Mimmuccio23, Fonte: EroticiRacconti

    Fatto vero, accadde qualche anno fa, era estate mese di agosto precisamente il15 del mese. Eravamo tutti in campagna io mia moglie e figli e mia cognata con marito, invitati dai vicini per la festa del ringraziamento, la sera dopo aver mangiato e anche bevuto si danzava tutti i balli di coppia, tango, mazurca, tarantella e si anche lenti. Io facevo ballare mia moglie e mia cognata, dato che mio cognato non sapeva ballare guardava. Con mia moglie si ballava il tango io approfittavo di metterle la mano sul culo premendo il suo corpo sul mio cazzo, la cosa fece effetto grazie anche al alcol. Alla chetichella sparimmo nel buio vicino c’era un grosso covone di paglia, quale Migliore posto per scopare. Lei aveva dei pantaloncini corti di gins un po’ sfrangiati, il caldo e il sudore tra le gambe mi fece ingoiare ancor di più la presi e senza toglierle nulla il mio cazzo si fece st fece strada entrando tutto dentro per i suoi 20 centimetri. Il ritmo da primo lento roteavo il bacino come se il mio cazzo era un mestolo. Il ritmo aumento la figa emetteva il fatidico rumore di uno ...
    ... sciaquettio stavo per sborrare io cercavo di trattenermi più che potevo per poi scaricare con violenza tutto nella fregna fradicia. I fiotti erano violenti lei saltava ogni volta che le schizzavo dentro, e veniva anche lei insieme, e la più bella cosa sborrare e lei venire, ogni volta le pareti della fregna si contraevano stringendo la mia mazza. Venire insieme faceva entrare fino in fondo il cazzo toccando il fondo del lutero. Abbracciati eravamo fermi godendo della memorabile scopata, dopo un po’ tolsi la mazza dalla fregna sgocciolando, lei lo prese in bocca succhiando Il nettare ingoiando tutto. Io con la mano la infilai dentro cera una caverna aperta che ancora pulsava, la mano entro poi la chiusi a pugno roteando lei venne ancora con un grido soffocato dalla mia bocca che le infilava la lingua per spegnere quel grido di goduria. Ripresomi e aggiustandoci tornammo alla festa sedendo vicini senza forze. Guardando non si erano accorti della nostra mancanza, guardai mia cognata che con un sorriso beffardo, si avvicinò con la scusa che voleva ballare, la storia non finisci qui..... 
«1»