1. Orale


    Data: 27/05/2022, Categorie: Etero Autore: Vandal, Fonte: EroticiRacconti

    I Orale
    
    Sesso facile e veloce. Suona la campanella. Lucrezia mi fa l’occhiolino dalla classe. Sta riunendo i compiti in classe che dovrà correggere entro domani.
    
    Mi affretto verso le scale di servizio e scendo come un antilope le scale. La anticipo nel locale caldaie.
    
    Aspetto, mi sgranocchio due fette di mele prima che appare lei. Pantaloni attillati, golfino azzurro e sotto s’intravede una camicia azzurra. Porta i capelli neri legati a crocchia e degli occhiali da intellettuale in bilico su un naso piccolo e grazioso.
    
    Quello è il nostro luogo clandestino, dove ci incontriamo nell’intervallo o nelle ore buche. Lucrezia è una professoressa di matematica, io sono assistente al laboratorio di chimica. La storia degli incontri fugaci va avanti da tre mesi ormai.
    
    Perché lì e non a casa mia o sua? Semplice. Casa mia è impraticabile causa vicini curiosi e pettegoli. Casa sua c’è il marito. Quindi, meglio il locale caldaia dove si sa, non ci scende nessuno se non per sporadici controlli una volta al mese.
    
    “Quando riusciremo a farci una scopata come si deve?” chiedo a lei
    
    “Quando divorzierò da mio marito” risponde lei armeggiando con la mia cerniera e mettendosi in ginocchio
    
    “Stai per divorziare?”
    
    “No, sciocchino” e mi estrae il sesso, ingoiandolo subito ...
    ... dopo
    
    Ah, estasi sublime. Lucrezia è un’artista in fatto di pompini. Ci mette sé stessa, passione, anima e lingua. Poi, quando finisce, esegue uno snap pieno, come di un tappo che viene tolto da una bottiglia di Champagne. Snap. Anche quella volta, perfetto, con il getto di sperma che disegna un arco nell’aria polverosa della cantina e finisce sul pavimento di cemento. Mi spurga per bene, menandomelo un po’. Poi ricomincia a succhiare, me lo svuota “Tocca a te” dice sedendosi su un ripiano di pietra, calandosi i jeans. Sotto non porta le mutandine. In estasi mi inginocchio davanti a lei e comincio a leccargliela. Bella, labbra carnose, perfettamente rasata. Le mani artigliano la mia testa e la premono ancora di più tra le sue ganasce. Non ci metto molto a farla venire. Il suo sperma mi lava la faccia e mi cola sul mento. “Domani ho due ore buche” dico riallacciandomi i calzoni “Guarda caso, coincidono con le tue ore buche”
    
    “Cos’hai in mente?”
    
    “Due isolati da qui, in via delle mimose”
    
    “La locanda di tuo zio Nicola?”
    
    “Lui non c’è, chiuso per ferie. Mi ha lasciato le chiavi” la guardo eloquente. La campanella di fine intervallo squilla
    
    “Allora, direi che, finalmente, riusciamo a farcela quella scopata” sorride lei
    
    Sì. Una sana e robusta scopata, finalmente!
    
    =FINE= 
«1»