1. E così è finita?


    Data: 11/01/2022, Categorie: Masturbazione Autore: simonehappysun, Fonte: EroticiRacconti

    "Ho letto i tuoi ultimi racconti... immaginavo avessi ripreso... e com'è la tua nuova padrona?"
    
    esordisce così la mia collega appoggiandosi alla scrivania, mostrando le sue gambe ben depilate e lisce che sbucano fuori dal vestitino senape di lino.
    
    "Andata" rispondo io. "Storia finita".
    
    "Non sei stato all'altezza?" riprende.
    
    "Non lo so. Lei dice di no. Di sicuro sono in crisi d'astinenza"
    
    "Dai che ora andrai al mare, solita spiaggia e potrai sfogarti"
    
    Faccio spallucce e riprendo a lavorare. Mi eccita. Mi eccita davvero la collega. Ma da quando abbiamo smesso di frequentarci, a parte qualche scherzo fugace, mi sono imposto di non oltrepassare la soglia.
    
    Lei si siede sulla scrivania, divaricando leggermente le gambe: vuole attenzione, so già che non porta le mutande, l'ho già inquadrata stamattina quando è arrivata. Il vestitino è sottile e con il riflesso del sole, nel parcheggio era tutto chiaro, "a vista".
    
    "E così sabato sei andato al solito parcheggio. Ti piace giocare li" riprende lei.
    
    "Si ci sono stato. Qualche coppia.... l'acqua troppo fredda... avevo voglia di altro, ho svuotato ma non mi è bastato".
    
    Lei sorride, sembra avere scritto in viso "Capisco".
    
    Scende dalla scrivania la mia collega, arriva alla porta, alza la gonna dichiarando il suo culo nudo e sparisce nel corridoio.
    
    Torna 10 minuti dopo, con in mano un ...
    ... caffè, chiude la porta, gira la chiave.
    
    "Sono andati via tutti, o quasi".
    
    Si inginocchia davanti a me, guarda, il caffè, mi fa cenno che non è buono, poi infila le mani in mezzo alle mie gambe, io cerco di spostarle e lei mi convince a lasciarla fare.
    
    Sbottona i jeans, tira fuori il pisello moscio, si siede in mezzo alle mie gambe e prende a segarlo. Quando il pisello si sveglia, lo prende in bocca. E' un lavoro sordo, fatto di memoria, di bei ricordi, di nostalgia dei vecchi giochi. Chiudo gli occhi, appoggiando la testa alla sedia, la lascio fare, ne ha voglia, è solo per lei, quando si stacca, fermandosi dalla sua succhiata, la allontano leggermente, giusto per abbassare i pantaloni completamente. Lei gradisce di buon grado, prende il pisello in mano, da uno strattone alla pelle per scappellarlo tutto con forza e lo riprende in bocca. Quando sente che sto per venire fa quello che io adoro: infila in bocca i testicoli e li tira, provoca dolore, spinge il sangue a pulsare nel membro.
    
    Riprende i bocca il pisello, succhia, se lo spinge fino in gola fino a che non sente vibrare: lo tira leggermente indietro man mano che vengo, copioso e denso.
    
    Da un altro strattone alle pelle e un altro succhiotto alla cappella racimolando il seme residuo, poi tira fuori il membro, svuota la sua bocca nel bicchiere di caffe, e mescola il contenuto.
    
    “Dividiamo?” 
«1»