1. Sborrami in bocca.


    Data: 10/01/2022, Categorie: Prime Esperienze Autore: Y, Fonte: EroticiRacconti

    X esce dal bagno nudo e in tiro.
    
    Gli ho chiesto esplicitamente di lavarsi bene.
    
    “Dove mi metto?” mi chiede.
    
    Gli rispondo di restare in piedi.
    
    Io indosso soltanto il reggiseno, uno di quelli sportivi, tutto nero.
    
    Mi avvicino e lo bacio in bocca.
    
    E’ un bacio lungo e languido.
    
    “Quando ti sei toccato?”.
    
    “Ho fatto come mi hai detto tu, è da quattro giorni che non mi masturbo”.
    
    “Bravo”.
    
    Sarà la prima volta che un uomo mi verrà in bocca.
    
    E pure oggi decido tutto io.
    
    “Allora, si farà così. Io ora scendo e ti faccio un pompino senza usare le mani. Guai a te se usi le tue per spingermi la testa. Piuttosto voglio che ti muovi come se mi stessi scopando”.
    
    “Y, ma sei sicura?”.
    
    “Sicurissima. E quando stai per venire dimmi che mi stai sborrando in bocca. Hai capito?”.
    
    “Ok, ho capito”.
    
    Mi inginocchio all’altezza del suo cazzo e senza convenevoli lo prendo tra le labbra a metà.
    
    Resto ferma, voglio memorizzare la sensazione.
    
    E’ caldo e duro, sa di sapone intimo.
    
    Bene, si comincia.
    
    Fare avanti e indietro con la testa è abbastanza facile, e riesco a coordinarmi con la lingua.
    
    X invece mi sembra troppo ...
    ... timido, le sue spinte sono impercettibili.
    
    Lo tiro fuori, lo guardo e gli dico di muoversi come se fossimo già a metà di un amplesso.
    
    Annuisce e ricominciamo.
    
    Ora va meglio, siamo in totale sintonia.
    
    Lo incoraggio aumentando il ritmo, e lui mi asseconda.
    
    Ottimo, tesoro. Volevo che fosse proprio così.
    
    “Y, ora ti sborro in bocca”.
    
    Ci siamo, finalmente.
    
    Il primo schizzo mi colpisce il palato, e lo mando giù senza problemi. E’ caldo e denso.
    
    Il secondo arriva sulla lingua perché nel mentre l’ho imboccato solo a metà.
    
    Il terzo pure, ed è il momento in cui realizzo appieno che sapore abbia.
    
    E’ dolciastro, mi piace.
    
    A quel punto, considerato che è proprio per una questione di quantità sperata che gli ho imposto di non toccarsi per giorni, lo tiro fuori, lo prendo in mano e continuo segandolo.
    
    Altri due schizzi mi colpiscono, uno sul volto e l’altro sul reggiseno.
    
    X è stravolto.
    
    E io molto contenta.
    
    Mi alzo sorridente.
    
    “Ora l’ultima cosa”.
    
    “Cosa?”
    
    “Leccami la faccia e il reggiseno. Per bene. Lava via la tua sborra con la tua saliva”.
    
    E’ bravo il mio fidanzato, fa sempre quello che gli chiedo di fare. 
«1»