1. Odore degli indumenti intimi sporchi mi fanno eccitare


    Data: 29/12/2021, Categorie: Feticismo Autore: ScorpioneRM, Fonte: EroticiRacconti

    Quando mi facevo la pipi addosso mia madre mi castigava tenendo la mia mutanda bagnata di piscio sul viso e odoravo e mi piaceva cosi di nascosto prendevo le mutande di mio padre e di mio fratello nella cesta dei panni sporchi e poi mi chiudevo in bagno e mi masturbavo tenedole sul viso odorandole e leccando il sapore del cazzo il sudore godevo schizzando su gli indumenti e poi li leccavo succhiando il mio sperma Un pomeriggio ero solo in casa in camera mia sono sceso in lavanderia e ho preso lo slip di mio fratello era il più impregnato aveva delle macchie gialle di piscio tornato in camera mia per la fretta non ho chiuso la porta e era accostata e nudo sul letto mi masturbavo passandomi indumento dalla bocca su tutto il corpo e poi avvolgevo sul cazzo e la strofinavo sotto le natiche perche prendesse piu odore possibile infilata in bocca la succhiavo odori forti mi facevano diventare il cazzo duro estasiato dal piacere non mi sono accorto mio fratello Cesare più grande di me di 2 anni mi guardava e con il cazzone fuori dal pantalone dritto se lo accarezzava poi si avvicinato spogliandosi avvicinandosi al letto Bravo il porcellino gode annusando le mutande sporche faccio un salto e lo guardo nudo a cazzo dritto Che vuoi ? Voglio che mi fai divertire se no racconto tutto a Papà e Mamma caro il mio porcellino schifoso e mi avvicinato il cazzo davanti alla bocca Dai leccalo succhialo ho ubbidito mi sculacciava le chiappe mi strizzava i capezzoli mi dava schiaffi sul cazzo mi ...
    ... infilava le dita nel culo se facevo resistenza mi ricattava poi mi ha messo al muro a gambe aperte piegato sputato sul buco e sul suo cazzo mi aperto dolore e schiaffi sulle chiappe mi hanno fatto eccitare specie quando ha preso le sue mutande e me le ha messe in faccia e mi ha ordinato di leccarle e succhiarle e troia ti piace cosi e mi ha riempito il culo .Il porco quando aveva voglia si teneva le mutande addosso pieni di umori e ci lasciava delle goccioline di piscio e di notte quando tutti dormivano io ero nudo mi appoggiava indumento in faccia e poi se lo avvolgeva sul cazzo e io lo succhiavo sentendo il forte odore mi eccitava e lui mi infilava le dita dentro e poi gli salivo sopra e con la sua mutanda in testa poi a gambe aperte e mentre mi sbatteva mi strofinava indumento poi lo avvolgeva al mio cazzo e mi baciava in bocca per non farmi urlare e mi schizzava dentro e io sul indumento che poi succhiavo e leccavo Un pomeriggio eravamo soli mi ha detto di andare in camera sua e aveva fatto un cerchio nella parete di legno mi ha detto di andare nello sgabuzzino chiudere la porta e spegnere la luce cosi sono entrato e alla parete entrava la luce del buco che aveva fatto Ci sei ? Ho detto si avvicina la faccia al buco e entrava appoggiandola da sopra le sopraciglie a sotto la bocca e lui ha appoggiato il suo cazzone e mi ha detto succhialo e ho iniziato a spompinarlo poi lo ha tolto e ha allungato uno slip tieni questo è un regalo lo preso in palestra al mio amico Francesco ...
«12»