1. LA CHAT – Episodio 9


    Data: 20/12/2021, Categorie: Dominazione / BDSM Racconti sull'Autoerotismo, Autore: AlphaMaster1964, Fonte: RaccontiMilu

    Il qualche modo riuscii a tornare a galla da quell’oceano di sensazioni travolgenti e tornare in me. O almeno, nella nuova me, schiava, puttana e ninfomane. Estrassi prima il pennarello, stavolta pulitissimo, e lo odorai profondamente. Aveva un odore diverso dalla mia vagina, ma non era odore di escrementi. Mi faceva comunque girare la testa, era odore di sesso. Non sapevo che il culo scopato avesse quell’odore. Lo avevo anche sulle dita, ed era buono. Poi cautamente estrassi la banana, che era grossa e lunga, provando brividi inarrestabili mentre usciva. Non vedevo l’ora di servirne metà a Luigi e metà mangiarmela.
    
    Ancora esausta prendevo fiato da alcuni minuti, godendo della mia nudità, quando arrivò la risposta del padrone. “Ma bene, puttana. Allora ti piacciono due dita in culo, vero? Cominci a dilatarti. Adesso vediamo se continua a piacerti violarti il culo” cominciavo a sospettare che il resto del testo sarebbe stato sconvolgente, anche perché io avevo avuto già una buona razione di piacere, e cominciavo a sentirmi appagata. O almeno pensavo. “prendi i pennarelli che ti ho comandato di comprare, e fai un bel gioco per me. Mettine in culo uno, e fai una foto. Poi aggiungi un secondo, e questo è forse il punto che verrà meno naturale. Devi farlo entrare a fianco del primo. Fai di nuovo una foto, con due pennarelli.” Oddio, ecco perché la scatola di pennarelli. Mi chiedevo perché farmene comprare 24 se ne aveva usato solo uno… “poi divaricali, e tra i due inserisci il ...
    ... terzo, e fai la foto. Noterai che appena messo il terzo si muoveranno da soli assumendo la forma di un triangolo” – Presi fiato. Faceva sul serio, mi avrebbe rotto il culo… “poi metti il quarto, nel centro del triangolo. Formeranno un quadrato da soli. Foto, poi un pennarello aggiunto in centro, e così via. Devi arrivare al massimo che il tuo culo può contenere sentendo anche dolore. Non mi interessa se soffri, devi continuare. Il minimo che accetto è sette, che saranno un esagono con il centro pieno per ospitare il settimo. Da otto in su cominceranno le lodi. Ricordati, il dolore fa parte della prova. Alla fine devi farmi la foto con tutti i pennarelli con accanto al culo un foglio con scritto ‘grazie di avermi rotto il culo alphamaster’, poi estrarli tutti insieme lentamente tenendo il culo rilassato perché lo sfintere resti aperto e farmi una seconda foto con lo stesso cartello”
    
    Tremavo di paura. Avrei sentito dolore, perché Lui me lo aveva Comandato. Ma ancora più di questo mi umiliava il cartello dove lo RINGRAZIAVO per avermi rotto il culo. Forse era il momento di smettere, chiudere la mail e non tornare mai più sul sito. Presi un foglio dalla stampante e scrissi il cartello, preparandomi mentalmente per dolore e umiliazione, poi mandai una risposta che a Lui sarebbe piaciuta: “Eseguo, grazie Padrone”
    
    Nella mail non si specificava dove dovevo eseguire l’ordine, quindi andai in camera da letto. Pensai un po’ a come posizionarmi, ed il modo più degradante mi parve ...
«123»