1. Il percorso del sesso senza limiti 12 (continua)


    Data: 24/11/2021, Categorie: Dominazione / BDSM Autore: LanA, Fonte: EroticiRacconti

    Sullo schermo non si vede più la Mistress, ma solo la schiava legata e ricoperta di cera calda.
    
    Poi ricompare la Padrona, che spinge un carrellino con le ruote, sul quale è posto un apparecchio strano, con un motorino e un braccio alla fine, del quale svetta un mostruoso dildo, di almeno 30 cm di lunghezza e largo come una bottiglia di vino.
    
    Lo pone davanti alla ragazza, si infila un guanto di gomma che lubrifica con un gel.
    
    Poi inizia lentamente a penetrare la figa della ragazza.
    
    Prima con due dita, poi tre, quattro e infine inserisce tutta la mano.
    
    Poi toglie la mano e sistema la macchina tra le gambe della schiava.
    
    Le infila il dildo in profondità nella figa e la accende.
    
    Il dildo entra ed esce in continuazione e sfonda la figa alla ragazza, che si dimena furiosamente.
    
    La mistress riprende il frustino e ricomincia a frustare le tette, il ventre e le cosce della schiava.
    
    Poi, d’un tratto smette di frustarla e la guarda… “vedrai che la prossima volta eseguirai l’ordine alla perfezione, troia.”
    
    Si avvicina al carrello e ferma la macchina.
    
    Ha ancora il guanto grondante di gel.
    
    Si ...
    ... avvicina alla ragazza e inizia a penetrarla in culo con la mano, che entra con molta facilità in quel buco nero, invero ben dilatato.
    
    Poi inserisce il dildo nel culo e riaccende la macchina.
    
    La macchina pompa inesorabilmente e la Mistress la lascia inculare per oltre 10 minuti.
    
    Poi ferma la macchina, slega la ragazza, le toglie il bavaglio, si mette a cavallo del suo volto.
    
    “Leccami la figa, cagna, fammi godere” le ordina.
    
    Nel frattempo, il titolare del negozio è rientrato e si è posto vicino a me.
    
    Ero stravolta, rossa in volto, con la figa in fiamme.
    
    Anche lui era evidentemente eccitato ed estrasse il grosso cazzo dai pantaloni e me si avvicinò.
    
    Io presi in cazzo con due mani e iniziai a masturbarlo.
    
    Intanto il film stava continuando.
    
    La Mistress schiacciava la figa sul volto della schiava, quasi a farla soffocare.
    
    “Leccami, lecca il mio buco del culo, cagna. poi leccami la figa, fammi godere!” le ordina.
    
    “Lecca bene, bevi tutto! Non sei stata capace di tenere la pipì e adesso berrai il mio piscio caldo” e così dicendo inonda il volto della ragazza con la sua urina.
    
    CONTINUA ... 
«1»