1. Accadde in una scuola 2


    Data: 23/11/2021, Categorie: Dominazione / BDSM Autore: Winter Widow, Fonte: EroticiRacconti

    Erano passati diversi giorni da quanto accaduto nell’ufficio della vicepreside, e da lì in poi, io e lei non avevamo più condiviso nulla di compromettente.
    
    E a dire la verità mi dispiaceva, inoltre, era arrivato il freddo e quindi lei, ora, portava scarpe che le ricoprivano interamente i piedi.
    
    Insomma non ci pensai più, iniziavo quasi a credere che nulla di quello che ho raccontato fosse successo, pensavo che fosse solo una mia fantasia che avevo vissuto in modo, più coinvolgente.
    
    Ma un giorno di Novembre fui chiamato in vicepresidenza, durante un’altra ora, e cominciai a pregustarmi già cosa la mia vicepreside, avrebbe voluto dirmi.
    
    Arrivai tremando, eccitato come un cavallo.
    
    Entrai e chiusi la porta, “ah, eccoti qui.”
    
    Detto questo, la mia prof, tirò indietro la sedia, così da lasciarmi spazio, fece uno sguardo pervertito ed iniziò a togliersi gli stivali, “ora che porto queste scarpe, i miei piedi respirano meno, devono avere un odore terribile, così ho voluto lasciare che il mio studente cagnolino li potesse assaporare.”
    
    Detto questo mi fece sdraiare e si mise in piedi su di me, io avevo un’erezione grande come la statua della libertà, rimanevo sotto il peso della mia prof, che era consistente, che non era magrissima, mentre i suoi divini piedi mi schiacciavano, me ne mise uno in bocca, io lo succhiai con gusto, assaporai il sudore, e i residui di sporcizia accumulati tra ...
    ... le dita, era meraviglioso, lei rideva e mi schiacciava con più forza.
    
    Poi mi pestò il pacco, e io gemetti, ma vedendo quel magnifico piedino, non potei fare a meno di eccitarmi ancor di più.
    
    Lei sembrava assatanata, doveva essere una che scopa poco, infatti dopo avermi camminato sopra, mi scese di dosso, mi abbassò i pantaloni e le mutande, mi buttò sotto la scrivania ed iniziò a schiacciarmi le palle con i piedi. Io provavo a dirle che ora stava esagerando, ma lei mi zittiva dandomi calci, dicendomi che era la professoressa e che dovevo obbedirle.
    
    Trovavo tutto quello estremamente eccitante, mi disse di denudarmi completamente e io lo feci, lei rideva e si divertiva a sfregarmi i piedi in faccia, dopo poco sentimmo bussare alla porta, lei buttò tutti i miei vestiti sotto la scrivania con me, e mi tappò la bocca con un suo calzino, e per essere sicura che non fiatassi ci appoggiò pure un piede sopra, io mi venni addosso.
    
    La prof si ricompose, e ricevette la bidella che portava una comunicazione.
    
    Quando se ne andò mi disse di alzarmi e di vestirmi, mi diede il suo indirizzo e mi disse che avremo continuato a casa sua, poi mi regalò anche uno dei suoi calzini, mi disse che me lo ero meritato, che ero stato un bravo zerbino, e che avrei ricevuto altri regali se avessi continuato a comportarmi bene.
    
    Io uscì da quell’ufficio sudato e confuso, ma non vedevo l’ora di rifare tutto da capo. 
«1»