1. 8. Viaggiando nuda - le due schiavette


    Data: 12/10/2021, Categorie: Sesso di Gruppo Autore: Lucrezia, Fonte: EroticiRacconti

    Aspettammo poco a dirla tutta, a poco a poco arrivarono i primi curiosi; noi non parlavamo, ce ne stavamo lì in ginocchio sulla sabbia, le mani giunte dietro la schiena e le bocche aperte, con la lingua di fuori.
    
    Loro ci parlavano, ma noi non potevamo certo rispondere, o capisci il senso del gioco o te ne vai, e invece no, persistevano nel chiedere informazioni che non potevamo oggettivamente dare loro.
    
    Poi arrivò un tipetto, nulla di che, ma aveva l'aria furbetta di chi la sa lunga, e zitto senza dire una parola, me lo mise in bocca.
    
    Io non dovevo muovermi e quindi stavo lì con la bocca aperta, la lingua di fuori e sopra appoggiata la cappella del tizio.
    
    Finalmente capì, mi mise una mano sulla nuca, giusto per cortesia e iniziò a spingere, a scoparmi la bocca.
    
    Finalmente anche qualcunaltro si fece avanti, e anche Claudia ricevette lo stesso trattamento.
    
    Emettevano rumori, quando ci infilavano il cazzo dentro la bocca, io mi sentivo soffocare, emettevo gorgoglii e saliva.
    
    Il tipetto fu anche il primo a venire, mi riempì la bocca e poi se ne andò lasciando il posto ad un altro.
    
    Io persi facilmente il conto, ...
    ... anche perché ad un certo punto chiusi gli occhi; un vero bukkake consumato lì sulla d'una, avevo il viso, il collo e il seno pieno di schizzate, e poi la bocca pure piena di sperma e saliva che mi colava ai lati della bocca, anche perché tossendo lo sputavo fuori anche violentemente finendo addosso a chi mi stava davanti.
    
    Anche Claudia era nelle mie stesse condizioni.
    
    Ci tennero lì per un po' fino a che si sfogarono tutti, poi Claudia si rialzó e mi venne davanti, io ero inebetita dalla brutalità di quella esperienza, lei mi prese con un dito un filo di sperma che mi colava dal mento e se lo mise in bocca, poi si chinò e mi baciò assaporando il bacio allo sperma.
    
    Ammetto che in un altro momento la cosa l'avrei trovata si oscena, ma anche eccitante, ma io mi sentivo stuprata, un'esperienza davvero al limite per me, non mi ero divertita, anzi mi stavo sentendo umiliata e offesa, mi facevo schifo e odiavo quella donna che ora rideva, sporca di sperma che le colava da ogni dove.
    
    Che cazzo ti ridi, le dissi seria e con la voce dura, poi mi alzai da terra e corsi al mare per lavarmi. Avevo raggiunto e superato il mio limite. 
«1»