1. Tutto in familia. 13


    Data: 26/04/2021, Categorie: Prime Esperienze Tue Racconti Autore: Maria G., Fonte: RaccontiErotici.xyz

    In quella stanza di albergo prima io sopra poi io sotto di lui ed infine "è ora che provi anche a prenderlo in bocca e tra le zinne" mi disse papà dopo una sosta di riposo e ponendosi con il sesso vicino alla mia bocca mentre ero coricata "dai prova" fece ancora,lo avevo già fatto a mio fratello ma feci la gnorri "ma papà in bocca,non lo so e poi che schifo" con quel suo affare mi avrebbe soffocata e non volevo che capisse di aver già provato quella stessa sperienza con mio fratello,peggio che mai "e dai prova vedrai che poi ti piace,sai quante lo fanno al ragazzo" insistette "ma poi la sborra" sempre io ignara "ingoi tutto senza che resti incinta,vedrai" insomma io coricata supina e lui con il cazzo tra le mie lanbbra "dai ciuccia come fosse un gelato" disse e spinse tanto da prendere a ciucciarlo agitando la testa in avanti ed indietro "cosi lo vedi che sei brava, papà te lo ha sempre detto sei una femmina da letto" ma intanto cosi dicendo si spingeva tanto da sentirmelo in gola oltre ad avere la bocca piena per il volume del suo sesso,dai e dai quella cosa mi trasportava trovandomi a ciucciarlo e sentendomi la fga bagnarsi tanto da vedermi con le mani aggrappate alle sue chiappe ed o che agitavo la testa fortemente al punto che lui restava fermo "cosi si cazzo bella puttanella di papà,dai ecco ingoia tutto" diceva e ...
    ... schizzi caldi mi arrivarono in gola ed ormai sapevo che dovevo ingoiarli,quando lui si staccò mi pulii con una mano la bocca "ma è salata papà la sborra" dissi come stupita "è come il sudore,salato"' . Ormai stava facendo sera ma prima di vestirci e dopo il bocchino "meriti un bel premio,poi dopo andiamo" fece papà rigettandomi nel letto "vuoi scoparmi di nuovo,non ti basta papà!" esclamai sorpresa io "no bella di papà allarga le cosce ti faccio una cosa che un tempo te lo facevo spesso" cosi dicendo lo vidi con la testa insinuarsi tra le mie cosce e la sua lingua leccarmi la figa con una tale sapienza che mi trovai ad aprire le gambe più che potevo "che porco papà" gli dissi ma mi piaceva "una volta eri pure senza peletti" poi riprese con insistenza portandomi ad avere un tale orgasmo da urlargli "basta si basta papà" e con le mani lo spinsi indietro,a quel punto non avevo più forze,restammo un poco a riposare ricordo che erano passate le otto di sera quando uscimmo dell'albergo,ero provata,stanca,presa la macchina tornammo a casa ma mamma vedendomi e dirigendosi verso papà "ma quanto l'hai fatta lavorare sta ragazza guarda si vede dal viso che è stanca" ed io "ma no mamma sto bene,magari ceno e vado a letto,non dovetti nemmeno andarmela a lavare c'era il bagno in albergo,certo ero un tantino stanca ma ero appagata e felice. 
«1»