1. Vatti a fidare degli amici


    Data: 04/01/2021, Categorie: Cuckold Tue Racconti Autore: Nelaviam, Fonte: RaccontiErotici.xyz

    E' un sabato pomeriggio di luglio e  io sto lavorando al computer.
    Fa molto caldo, io sto in pantaloncini e camicia semi sbottonata  mentre Sonia la mia compagna sta in soggiorno e guarda la televisione distesa sul divano. Porta  un toppino rosso legato dietro e una minigonna super corta celeste tipo jeans senza le mutande come sempre del resto quando siamo a casa.
    Suona il campanello è Luigi , mio socio e mio amico .
    Entra sento che si saluta con Sonia e bisbigliano qualcosa ma non capisco. Mi alzo vado in soggiorno lo saluto e gli dico che devo finire un lavoro ma prima prendiamo un caffè insieme. 
    Il mio soggiorno è un open space :una parte è ingresso salotto e una parte pranzo, separato da una porta scorrevole. 
    Stiamo seduti al tavolo io di spalle alla cucina e Luigi verso la cucina. 
    Luigi ogni tanto  parla con me ma il suo sguardo è mirato in direzione dei piegamenti di Sonia che ha preparato il caffè e nel frattempo mette a posto delle cose.Mi giro anche io un attimo e  vedo Sonia piegata praticamente a fica di fuori:   li per li non do peso alla cosa anzi mi eccita. Vedo Luigi molto interessato, ma ho lascio correre.
    Dico che vado a finire il mio lavoro e Luigi e Sonia rimangono a parlare seduti sul divano. 
    Ad un certo punto devo andare in bagno e passando per il corridoio devo per forza passare davanti alla porta del soggiorno socchiusa perché stanno fumando .
    Sono appoggiati con i gomiti sul davanzale della finestra fumando una sigaretta e di me non si sono proprio accorti . 
    Ritornando dal bagno mentre ripasso davanti alla porta vedo Luigi con la mano sul culo di Sonia, mi sono scosto un po’, e rimangoimpietrito. 
    Poi la voglia di guardare anche se nella mia testa passano 6 milioni di pensieri è più grande . 
    Io sono praticamente al buio e vedo che Luigi ogni tanto dàuno sguardo alla porta scendendo con la mano sempre più giù.
    Sonia ha le gambe incrociate e appena la mano le è arriva a toccare le cosce le scavalla per far si che le tocchi la fica, un movimento premeditato senza muoversi di un pelo.
    Poi quando le infila le dita dentro, lei  abbassa una mano e gliela  mette sul cazzo. Lui guarda la porta non accorgendosi di me che spio  e la bacia e la lecca sul collo e sulla schiena sempre con la mano infilata tra le sue cosce. 
    Lei si gira lo bacia e lui le prende la mano e se la rimette sul cazzo. Continuano a baciarsi , mentre il pacco che preme nella patta dei pantaloni  testimonia l'arrapamento di Luigi.
    Si dicono qualcosa si fermano e vedo che vanno verso il divano: a quel punto vado di corsa in camera mia devastato da mille pensieri ma intrigato da quello che ho visto.
    Sento che Luigi mi dice 
    "Ciao Mauri , ci vediamo dopo."
    Sonia viene da me  sedendosi sulle mie gambe: io non so come comportarmi, non so se sono arrabbiato, eccitato: mi sento tradito, insomma le penso tutte. Ho la testa piena di cose senza trovare una via d’uscita.
    Certo la reazione normale era entrare in soggiorno quando stava facendo la ...
«123»