1. 270 – Francesca e i giochini mattutini


    Data: 25/03/2021, Categorie: Autoerotismo Etero Autore: 1948, Fonte: RaccontiMilu

    Una domenica del mese di novembre Francesca si è svegliata e pensava di levarsi dal letto non avendo più sonno. Era casa sua ed aveva dormito sola. Quella notte non aveva avuto amanti e non era una condizione abituale per lei. La settimana appena conclusa era stata stancante tra sesso e lavoro. La sua giovane età le consentiva di recuperare rapidamente ma sentiva anche la necessità di riposarsi per effettuare i recuperi di forze.
    
    Aperta la finestra l’ha richiusa subito. Il freddo dell’aria l’ha ricacciata indietro. Era fresco e non aveva voglia di fare niente ma solo rimanere a casa a rilassarsi nel letto.
    
    Il dormire nuda e il freddo mattutino l’hanno costretta inevitabilmente a dover andare in bagno e sedersi sul WC per orinare.
    
    Il passaggio della carta igienica sulla fighetta le ha ricordato che il grilletto era lì ad aspettare quel che faceva spesso.
    
    Uscita dal bagno Francesca si è voluta vedere allo specchio per scoprire qualcosa di indefinito sulla pelle di quel suo corpo quasi perfetto che attirava le attenzioni di uomini e donne.
    
    Si ammirava ogni giorno allo specchio ma non scopriva mai niente di particolare. Guardava il suo corpo nelle forme e si atteggiava assumendo posizioni molto languide e sensuali. Vedeva così il suo ventre piatto, la figa ornata di piercing, i suoi capezzoli anche quelli talvolta ornati come la fighetta, i glutei tondi e sodi. Non riusciva a vedere il suo buchetto posteriore tante volte aperto che concedeva solo a persone ...
    ... particolari
    
    Le sue tette e erano di terza misura soda ed i capezzoli su cui aveva due anellini d’oro sventavano verso l’alto come due chiodi un po’ per il freddo un po’ per lo stare nuda.
    
    Proprio lì ha pensato se farsi una doccia e si è chiesta anche se fosse troppo presto. Tra le due opzioni ha scelto di farla anche per scaldarsi.
    
    Ha preparato tutto l’occorrente vicino al piatto doccia, ha aperto l’acqua ed ha aspettato qualche secondo che arrivasse l’acqua calda. In quel tempo, come se qualcuno lo sapesse, ha suonato il telefonino indicando su Whatsup l’arrivo di un messaggio. La sorpresa l’ha incuriosita ed è corsa a leggere. Era un messaggio di Alberto “Buongiorno tesoro. Spero tu sia pronta per giocare, ho in mente di fare tante belle cose, con te. Preparati e dimmi quando sei pronta”
    
    Francesca era ancora lì davanti allo specchio a leggere il messaggio e ne ha approfittato per guardarsi ancora una volta.
    
    Non aveva bisogno di lavarsi nel fare la doccia ma era solo per scaldarsi un po’. L’acqua scendeva dall’erogatore e si sentiva lo scroscio mentre il vapore si formava e contribuiva a scaldare l’aria nel bagno. Si è detta “mi sa che rispondo subito così ho più tempo per stare sotto l’acqua. Che vorrà dire Alberto con ‘pronta per giocare’? Allora sta venendo qui!”
    
    Francesca è stata al gioco fidandosi del suo fidanzato ha risposto subito scrivendo sarcasticamente di essere pronta e in attesa di istruzioni.
    
    Alberto non ha risposto subito e lei si è messa sotto ...
«1234...»