1. Incredibile


    Data: 02/03/2021, Categorie: Anale Masturbazione Maturo Autore: BoyXmature, Fonte: xHamster

    Oggi mi è capitata una cosa al limite dell'assurdo.
    
    Vi ricordate mia suocera? mbe oggi mi ha fatto alzare il livello dell'asta su nuovi record.
    
    Vi racconto subito.
    
    è successo tutto questa mattina sul tardi a casa sua verso le 11.
    
    La mia raga mi chiama al telefono per invitarmi a pranzo a patto che cucini io.
    
    Accetto la cosa e corro da lei.
    
    Entro in casa e mi apre mia suocera, rigorosamente in pigiama.
    
    Sorride e accenna sorrisetti che mi fanno catapultare in un film a occhi aperti.
    
    Entra prima il cazzo e poi io da come si era già indurito.
    
    La saluto e mi avvicino per un bacetto sulla guancia, nel frattempo da lontano sento la mia raga che mi saluta mentre mia suocera si avvicina al mio orecchio e mi dice con voce da troia: COME HO SAPUTO CHE DOVEVI VENIRE MI SONO ECCITATA TUTTA, OGGI IN UN MODO O NELL'ALTRO IL TUO CAZZO ENTRA DENTRO DI ME. Mi afferra una mano e me la mette dentro i pantaloni del pigiama e mi dice: QUESTO è SOLO UN ASSAGGINO. Infilo la mano e già con la punta delle dita sento i suoi peli, la avvicino a me e gli affondo la mano, le immediatamente apre di poco le gambe mentre io con l'indice e l'anulare gli apro le grandi labbra. Scottavano per quanto erano gonfie, i suoi peli all'inizio ruvidi si fecero man mano che scendevo sempre più appiccicosi e umidi. LEI: SOTTO IL PIGIAMA NON PORTO NE LE MUTANDE NE IL REGGISENO. Che porca e tutto ciò accadeva a porta aperta. Mi faceva male la cappella per quanto era compressa nei boxer. Con la ...
    ... mano destra chiusi la porta ma mentre stavamo li con lo sguardo vidi la mia raga e levai subito la mano sinistra da dentro il pigiama. Salutai mia suocera come se tutto quello che c'era stato prima non fosse accaduto. Ero viola sulla faccia, infartato dall'eccitazione e con un flauto d'ottone tra le gambe. Mi avvicino alla mia ragazza la saluto parliamo un pò, con la coda dell'occhio vedo sfilare mia suocera che va in cucina, incrocia il mio sguardo e come se ne accorge mi dice sotto voce ma senza farsi capire: OGGI NON SCAPPI, e mi indica con il dito la sua fica. Rimango ancora con la mia raga quando dopo un pò lei dice: Vado a farmi la doccia tu intanto inizia a cucinare con mamma che poi ti dò una mano.
    
    In quel momento il cazzo da quel pò che si era rilassato ritorna sull'attenti. Mi arrossii subito e da gran porco odorai le dita che ancora sapevano degli umori di mia suocera. IO: OK, FA QUELLO CHE DEVI FARE CI PENSO IO E TUA MADRE.
    
    Nel frattempo spunta l'ombra di lei che capendo cosa stava per succedere cercava di farsi notare. Dopo un pò la mia raga entra in bagno, chiude la porta apre la doccia e fa due giri di chiave per chiudersi. è fatta siamo soli. Mia suocera come sente il rumore della chiave si catapulta su di me e dice: LO SAI CHE QUANDO SI FA LA DOCCIA CI METTE UN ORETTA DA QUANDO ENTRA A QUANDO SI ASCIUGA I CAPELLI, PERCIO SBRIGATI E VIENI CON ME. La seguo e di corsa ci ritroviamo nell'altro bagno che si trova dall'altra parte di casa. Si avvicina a me e ...
«123»