1. Emma, la cliente di Olga.


    Data: 13/01/2021, Categorie: Lesbo Autore: ezekiele64, Fonte: xHamster

    Mi sono sposata troppo presto, a 19 anni si crede di avere il mondo in mano invece non si sa niente della vita, e poi mi ero innamorata persa di un uono di 10 anni più vecchio, il classico sciupafemmine.
    
    Inevitabilmente dopo 3 anni è finito tutto, l'unica cosa positiva è stato il suo insegnamento sul sesso, quello lesbico compreso, mi ha fatto diventare esperta ed ora so gustare tutte le sfumature che esso puo dare:
    
    Ho giurato a me stessa di non legarmi più con nessuno, ormai sono passati più di 15 anni, ma scegliere di volta in volta le occasioni cercando sempre quella che secondo me era la migliore.
    
    Non sono un'assatanata del sesso, mi piace gustarmelo e farlo con amore, se non trovo le occasioni giuste, se propio ho voglia mi soddisfo con i miei giocattolini personali, quelli non tradiscono mai.
    
    L'altro giorno sono andata a trovare la mia amica Olga nel suo negozio di scarpe, volevo comperare un paio di stivaletti che erano un amore.
    
    Olga, anche lei come me, non disdegna l'amore lesbico e ogni tanto ci facciamo una bella serata in compagnia, alla faccia di quegli uomini che per il solo fatto che hanno un cazzo credono di essere i padroni del mondo.
    
    Entro, saluto Olga che era impegnata a servire una bella signora molto distinta, stava provando un paio di scarpe tacco 12 che la slanciavano e mettevano in risalto le sue gambe ben tornite.
    
    Le compra, paga ed esce salutando in modo gentile ma un pò equivoco, subito mi informo sulla tizia e Olga mi dice che è una sua cliente però non del luogo, io insisto per sapere di più ma lei mi dice solo che ha circa cinquntacinque anni anche se dimostra una decina meno, voglio sapere di più, la minaccio di non comperare gli stivaletti, lei svicola con il discorso, alla fine mi dice
    
    "Sei libera domani sera?"
    
    "Si non ho impegni particolari, hai qualcosa di bello da propormi?"
    
    "Vieni a casa mia dopo cena, ci divertiremo in tre"
    
    "Non avrai mica qualche nuovo tipo, sai in questo periodo non ho troppa voglia di cazzi, sai come sono fatta, mi piace sceglierli, anche se di te mi fido"
    
    "Fidati sarà una dolce sorpresa, e non parlo di cazzi"
    
    Di Olga mi fido, conosco i suoi gusti e poi con la lingua riesce a farti impazzire.
    
    Puntuale suono il campanello, si apre la porta e Olga mi saluta baciandomi lievemente in bocca,
    
    "Vieni, ti presento una mia carissima amica"
    
    "Emma ti presento Carla, vi siete già viste ieri in negozio"
    
    Era la signora del tacco 12, resto un pò basita, mai più credevo che anche a lei piacessero le donne.
    
    Ci accomodiamo in salotto, solite spettegolate di donne, un buon bichiere di bianco secco fresco e Olga con la scusa di farci vedere un nuovo vestito ci invita in camera.
    
    Si spoglia, rimane in intimo e si avvicina a Emma, mentre la bacia le sbottona la camicetta, la toglie, rimane in regiseno, via anche quello, i suoi seni sono ancora belli sodi, li bacia, gli mordicchia i capezzoli mentre gli abbassa la gonna, è senza mutandine
    
    "In questi casi ...
«12»