1. Elenchi a volontà


    Data: 13/01/2021, Categorie: Etero Sesso di Gruppo Autore: Idraulico1999, Fonte: RaccontiMilu

    A ripensarci bene, ponderando attentamente il concetto e il senso della logica e del ragionamento, fare l’amore in due &egrave senz’altro una faccenda a tal punto indubbia, prevista e per di più scontata, dato che non vale la pena nemmeno d’argomentare né di ragionarci su ulteriormente, perché &egrave in fin dei conti totalmente fuori trattazione. Il numero due però, non &egrave indispensabilmente né necessariamente per forza l’unitaria quantità che s’adatta e che s’uniforma armonizzandosi all’evento o alla contingenza del momento per chi ha voglia di sfogarsi, preparandosi e infine scatenandosi facendo sesso. I calcoli sono innumerevoli, perché ogni porzione e ogni quantità può essere comparata, congiunta e legata a un’emozione diversa e innanzitutto a un differente e percepibile piacere, in brevissimo tempo li elenco esponendoveli qui di seguito.
    
    (Uno). E’ il capriccio per eccellenza, per squisitezza il mio diletto e quello più protetto, tenuto conto che essendo isolata e solitaria &egrave essenzialmente il primo piacere in sostanza che ho avvertito scoprendolo e adoperandolo da quando ero in verità nientemeno che una fanciulla, perché lui &egrave sennonché fuori dubbio l’esclusivo e il prezioso alleato piacere che fino a oggi non mi ha giammai ingannato né raggirato, in quanto &egrave il godimento garantito, riparato e sicuro su cui puoi fare completo e incondizionato affidamento. Adoperabile, disponibile e sfruttabile di continuo, da dosare e da frazionare nella quantità giusta e secondo i tempi più idonei e opportuni, direi non sempre entusiasmante né esaltante, malgrado ciò oserei affermare pratico e senz’eccessive né smodate complicazioni, sì, esattamente quello scoglio benefico, generoso e salubre sul quale appigliarsi consolandosi laddove il residuo esita e barcolla o non c’&egrave in nessun caso.
    
    (Due). Questo qui, &egrave effettivamente l’appagamento, il diversivo e il trastullo che ho iniziato a intravedere sperimentandolo quand’ero una fanciulla alle prese con le prime infatuazioni, con i primi baci e con gli abbracci furtivi nei pressi di quegli svariati fabbricati poco distanti da casa mia. E’ stato inoltre il compimento che ho in seguito scoperto convenientemente contrassegnandomelo del tutto a diciassette anni da poco compiuti in una notte stellata su d’un litorale con molti amici della combriccola, mi ricordo ancora in cerchio con la chitarra attorno al falò e tanti altri sparpagliati con i relativi duetti, precisamente dove la luce non giungeva oltre. In seguito di conoscenze e di fidanzati ne sono comparsi altri ancora, per il fatto che le occasioni e le circostanze favorevoli per fare sesso si sono automaticamente moltiplicate. Con il passare degli anni, per fare un esempio, non c’&egrave stato più bisogno di defilarsi sottraendosi dalla compagnia degli amici e delle amiche, perché a una certa ora della sera la compagnia si scioglieva di proposito, dal momento che ciascuno di noi potesse appartarsi liberamente nel ...
«1234...»