1. io in discoteca


    Data: 13/01/2021, Categorie: Etero Autore: kitty93, Fonte: RaccontiMilu

    Qualche anno fa, d’estate, per tirar su due euri ho lavorato per un periodo in una discoteca come barista. Ero bravina, lo facevo già da anni, e la mia presenza fisica convinse i titolari che avrei attirato gente al bar.
    
    Non che dovessi lavorare nuda o quasi, a quello ci pensavano le ragazze immagine, delle antipatiche asociali che si guardavano bene dal fraternizzare con noi povere addette al bar. Loro sculettavano sui piedistalli o in mezzo alla gente mezze nude, noi no, a noi bastava una minigonna non oscena e una camicetta con un paio di bottoni aperti, non di più.
    
    Il lavoro mi piaceva anche se era duro e la paga non troppo alta, anzi misera. Però stavo in mezzo alla gente, mi divertivo anche a vedere quei ragazzi che cercavano di attaccare bottone con me e le altre tre bariste, anche qualcuno un po’ più avanti negli anni.
    
    Successe quando mi spostarono di sala per una sostituzione.
    
    Vicino a ogni bar c’&egrave sempre uno della security pronto se qualche ragazzo dovesse fare troppo lo spiritoso, e &egrave così che ho conosciuto Artemio (altro nome inventato).
    
    Mi presi una mezza cotta per lui. Alto, spalle larghe, muscoloso, bello come una statua greca. Ogni tanto gli lanciavo delle occhiate e lui se ne accorse perché cominciai a trovarlo sempre vicino al mio posto che mi guardava mentre lavoravo, mi stuzzicava con qualche frase allegra. Approfittai di un momento in cui non c’era tanta gente e ci avvicinavamo alla chiusura per attirarlo nel magazzino con la scusa di aiutarmi a prendere uno scatolone.
    
    ‘Mi dai una mano? E’ troppo pesante per me’
    
    Mi feci seguire sculettando più che potevo davanti a lui e appena entrati nel magazzino mi strinse a se appoggiandomi il pacco sul culetto. Aveva capito tutto. Mi girai e lo abbracciai approfittandone per sentire i suoi muscoli sotto la giacca. Come un polipo mi strinse dappertutto, sul culetto, sui fianchi, sul petto e intanto io lo baciavo. Aveva un buon sapore anche se la sua barba mi dava un po’ fastidio.
    
    ‘Abbiamo poco tempo’ mi disse e io scesi lungo il suo corpo per inginocchiarmi davanti a lui. Se lo tirò fuori senza tirarsi giù i pantaloni e io lo presi in mano giocandoci con la lingua dalle palle alla punta prima di aprire le labbra e prenderlo in bocca.
    
    Feci su e giù per diverso tempo prima che si irrigidisse e cominciasse a venirmi in bocca.
    
    La sua sborra era gustosa, appena un po’ salata, la ingoiai volentieri e lui continuava a schizzarmi in gola che quasi non ce la facevo.
    
    Finito tutto ha guardato fuori per vedere se non c’era nessuno e mi ha fatto uscire per tornare al bar.
    
    ‘Ci vediamo dopo’ gli dissi e passai l’ultima mezzora del lavoro pensando a quel che avremmo fatto io e lui tutti e due nudi sopra un letto, dopo aver finito il lavoro.
    
    Ci pensavo e la mia farfallina si commuoveva, la sentivo umida e temevo che mi bagnasse le mutande e la gonna bianca. Sbagliai anche l’ultimo cocktail che mi chiese un ragazzo ma tanto era ubriaco e non ci fece ...
«12»