1. Orgasmi ignobili per nobili , (e la baronessa? ) - 5a parte


    Data: 12/01/2021, Categorie: Sesso di Gruppo Autore: sexitraumer, Fonte: Annunci69

    Quel pomeriggio, dopo essersi raccomandata con Luigino, affinché non molestasse né Federica né Alessandra, la Baronessa andò dal prete della Chiesa Madre; si presentò in abiti piuttosto dimessi ed anonimi, quasi borghesi. Tuttavia essendo quegli abiti anche molto puliti, più della media delle frequentatrici delle messe, benché protetta nei tratti del volto da un velo dello stesso colore dell’abito, l’anziano prete non tardò a capire di chi si trattasse effettivamente; le venne incontro in sagrestia dove aveva preferito presentarsi in anonimato. Nel piccolo borgo del paese naturalmente era rispettatissima, e chiunque le avrebbe fatto luogo cedendole il proprio spazio, ma in taluni momenti non gradiva essere riconosciuta nonostante il suo comprovato impegni in opere di carità. Il prete le venne incontro prendendole ambo le mani e dopo averla salutata con deferenza, le fece la domanda di cui già conosceva la risposta…
    
    “…sentite il bisogno di confessarvi altezza?”
    
    “Sì, padre. Ritengo d’aver molto peccato… ultimamente!”
    
    “Adesso nella Chiesa ci sono dei fedeli che pregano per lor conto. Preferite recarvi al confessionale, o gradite parlare qui?”
    
    “Preferirei il confessionale, padre.”
    
    “Allora, andiamo…dopo di voi altezza…”
    
    La donna andò ad inginocchiarsi presso il confessionale. Il prete, onde evitarle di far vedere a quelle quattro-cinque persone chi ci fosse in quel momento al confessionale, le avvicinò una ad una, e gentilmente chiese loro o di ultimare le loro preghiere o di spostarsi vicinissimo all’altare, in modo da osservare una certa distanza dalla signora Margherita, un’importante moglie di un uomo di banca della vicina baronia; titolo, questo di pura invenzione, per sviare i pettegolezzi inevitabili, fuori dalla chiesa. Due fedeli piuttosto anziani si spostarono dove aveva detto il prete, gli altri tre preferirono andarsene…quindi il prete prese posto nel confessionale, aprendo la finestrella a reticolo…in oscurità e anonimato ascoltò la giovane signora…
    
    “Figliola, allora, perché hai chiesto di confessarti?”
    
    “Ho peccato, padre, ho molto peccato…”
    
    “Cos’hai fatto figlia mia?”
    
    “Mio marito mi è infedele, usa far piccole molestie alle serve per ottenerne il far di sesso…e io, padre, sapendolo faccio finta di non sapere, dato che io stessa fedelissima, come già vi dissi mai lo sono stata…ho una relazione intima con un mio lontano nipote…ci giaccio lontano dallo borgo e dallo castello, dimodoché niuno possa riconoscermi per certo…la cosa va avanti da molti anni…egli non lo sape, ma io stessa uso proteggerlo da sé stesso, acciocché nelli guai più innominabili non si cacci…ultimamente però, ho fatto un peccato piuttosto sporco io istessa medesima…”
    
    “E sarebbe ?...”
    
    “Persona a me cara m’informò che in Otranto havvi una coppia di fratello e sorella, ormai adulti, che usano praticar l’incesto tra di loro…e io…come non riuscissi a dirlo di cosa fui capace…non mi sarei dovuta interessare, però lo feci…feci peccato di ...
«1234...18»