1. Una doccia calda


    Data: 08/01/2021, Categorie: Erotici Racconti Etero Autore: Michele, Fonte: RaccontiMilu

    Sono a casa, da poco abbiamo terminato il pranzo e sono intento a fare addormentare il piccolo. Non ci vuole molto, dopo pranzo si addormenta abbastanza in fretta. Decido quindi di fare una doccia. Vado in bagno, riscaldo l’acqua mentre mi spoglio ed entro nella cabina. La nostra è una doccia grande 120×90, con un ampia seduta su un lato. Inizio ad insaponarmi dalla testa e mi godo il getto a pioggia che nasconde tutti i rumori quando immergi il capo sotto. Mi sento sfiorare la schiena, penso sia solo la sensazione dell’acqua che scorre sul mio corpo e non ci do peso, ma il tocco si fa più deciso e mi sento avvolgere da delle braccia e una mano afferra il mio membro moscio. Sento distinti due capezzoli turgidi puntare la mia schiena come le canne di due fucili. Sospiro e spingo questo corpo verso afferrandolo dalle natiche. È mia moglie che vogliosa di cazzo si è intrufolata nella doccia. Mentre siamo in questa posizione con lei che mi masturba ed io che le allargo le chiappe, mi sussurra all’orecchio: << ti piacerebbe avere un’altra che te prende in bocca mentre lo tengo dritto!? A me ecciterebbe un sacco vedertelo succhiare>> <<A te piacerebbe avere un altro che ti lecca mentre io tengo il tuo sedere aperto!? A me la cosa mi intriga>> A questo punto mi gira e sedendosi sulla seduta mi invita a inginocchiarmi e mi dice: <<Perché non cominci tu a leccarmi mentre pensiamo a chi potrebbe fare il terzo?>> Non me lo faccio ripetere. Mia moglie ama avere la figa curata non l’ha mai rasata ma accorcia spesso i suoi peli e a me piace il solletico che fanno sulle labbra e l’odore che permane quando si eccita. Comincio a leccarla e lei mi offre la sua figa tenendo aperte le labbra con le mani, ne approfitta anche per tintillarsi il clitoride e aumentare la sua eccitazione. I suoi umori scorrono copiosi verso il suo ano e ne approfitto per massaggiato con le dita mentre sento aumentare il suo piacere. Aumento il ritmo della mia lingua e lei spinge la sua figa verso la mia bocca, si contorce scossa di piacere, capisco che è il momento e succhiandole il clitoride le infilo due dita nell’ano. Lei è sorpresa, ma sentirsi esplorare il culo mentre le succhio la figa la rende una vera.troia. Alza le gambe e tenendomi la testa mi invita a ficcare più dentro le dita. <<Allargami il culo mentre mi lecchi, ho voglia di un cazzo in bocca>> A quelle parole spingo ancora dentro le dita e mi dimeno con la lingua portandola ad un orgasmo intenso. <<Adesso ti scopi questo cazzo con la bocca e non lasciare nemmeno una goccia di sborra, troia>> – le dico con il cazzo così duro che lo sento esplodere. Lei non aspettava altro, aveva davvero voglia di un cazzo in bocca. Cominció a spompinarmi senza tregua quasi volesse mangiarlo, faticavo a trattenere l’orgasmo talmente era infoiata nel succhiarlo. <<Vengo troia, ingoiami>> Alzò gli occhi per fissarmi, per godersi il contorcersi del mio viso mentre lei beveva avida la mia sborra calda. Ingoiò tutto senza farne cadere una goccia ...
«12»