1. C-18 & Crilin – Toy Boy – DBZ (ILLUSTRATO!)


    Data: 07/01/2021, Categorie: Dominazione / BDSM Erotici Racconti Etero Autore: share3000, Fonte: RaccontiMilu

    12 maggio 767.
    
    Tutto cominciò con Piccolo, sei mesi dopo la morte di mio padre.
    
    Ad un tratto percepii chiaramente la sua aura aumentare a dismisura, un’aura potente e minacciosa, proprio come quella che aveva quando eravamo su Nameck a combattere Freezer… tuttavia in tempi di pace come quelli, lì per lì non seppi darmi una spiegazione.
    
    Dopo qualche minuto, svanì nel nulla.
    
    Ricordo d’essere uscito dalla mia stanza preoccupato, guardando il cielo in direzione della città del Sud… mamma era in cucina a preparare il pranzo, e la sentì chiamarmi poco prima che avvertissi un’altra aura gigantesca sbocciare con una forza tremenda, tale da far tremare ogni granello di materia del pianeta.
    
    -“Vegeta”- pensai. Anche Vegeta stava combattendo, e c’era qualcosa in quello che percepivo che ricordava tantissimo papà quando si era trasformato.
    
    Anche lui era diventato un super saiyan? Mi vennero i brividi solo ad immaginarmelo.
    
    Una valanga di pensieri diversi m’attraversarono la mente.
    
    Cosa era successo a Piccolo? Che diamine stava combinando Vegeta? Era forse impazzito, ebro del nuovo potere che la trasformazione gli aveva concesso?
    
    Quando avvertii anche le aure di Tenshinhan e Yamcha accendersi una dopo l’altra e convergere verso il luogo dove si trovava Vegeta Capii che avrei dovuto muovermi anche io, e senza pensarci troppo spiccai il volo.
    
    Li incontrai sull’oceano, svariati chilometri a largo della città del sud.
    
    Il mare tremava, quasi fosse scosso da un terremoto e all’orizzonte si vedevano chiaramente delle colonne di fumo levarsi dalla città.
    
    Avevamo avvertito l’aura di Vegeta per quasi tutto il tragitto, avevamo seguito il suo variare frenetico e rabbioso tipico di un duello e poi ad un tratto, anche quell’aura poderosa era svanita nel nulla.
    
    Era semplicemente inconcepibile che qualcuno fosse riuscito a sconfiggerlo eppure sembrava che le cose stessero così.
    
    Ci guardammo tutti e tre negli occhi e puntammo sulla città.
    
    Quello che seguì non fu uno scontro, non più di quanto sarebbe corretto definire “scontro” un gatto che cattura dei topolini.
    
    I cyborg non emettevano alcun tipo di energia, ed erano fortissimi. Molto più forti di Freezer, molto più forti di Vegeta e forse, anche più di mio padre.
    
    A pensarci ora, credo che durammo così tanto per il semplice fatto che volevano giocare.
    
    Si presero in pieno gli attacchi più devastanti di Yamcha e Tenshinhan senza batter ciglio e quando furono stanchi li annichilirono calcio dopo calcio, pugno dopo pugno.
    
    Furono metodici nel misurare la forza necessaria a mettere fuori ogni parte del loro corpo prima di finirli, per poi dargli il colpo di grazia, giusto per prolungare il loro sadico gioco.
    
    Poi tocco a me.
    
    C-17 sgusciò con nonchalance nella pioggia di colpi che gli stavo lanciando contro nel disperato tentativo di tenerlo lontano da me e mi piazzò un pugno nello stomaco.
    
    Vomitai sangue e precipitai al suolo in ginocchio, le braccia che mi tremavano ...
«1234...8»