1. ALLE OTTO SOTTO CASA TUA


    Data: 29/12/2020, Categorie: Voyeur Masturbazione Autore: terzofederico, Fonte: xHamster

    Alle otto stasera sotto casa tua,ti faccio uno squillo tu scendi. C’è traffico ma riesco ad essere puntuale. Scendi quasi subito. Ti aspetto in macchina quando ti vedo scendo e ti apro lo sportello.
    
    Mi siedo accanto a te,tu ti guardi attorno: è la prima volta che ci vediamo di sera,comunque non ti ha visto nessuno e ti avvicini e mi baci in bocca. Come mi piace quando prendi iniziative.
    
    E’ un bacio veloce ma allo stesso tempo sensuale sento la tua lingua sulle mie labbra .
    
    Stasera deve essere una serata speciale,una serata di trasgressione.
    
    Ti avevo chiesto di indossare una gonna un tantino larga e di non cambiarti l’intimo:così hai fatto.
    
    Guido in direzione dei laghi e siamo già quasi fuori città quando ti chiedo di alzare la gonna. Accendo la luce di rispetto per vedere mentre lo fai. La tiri su fino a scoprire lo scippino minuscolo.
    
    Ti dico di toglierlo,tu sei già tutta eccitata,lo sfili e me lo passi. Lo annuso è profumato della tua intimità, Mi piace l’odore della tua figa un misto di umori,di sudore, di pipì.
    
    Esco dalla tangenziale e guido ancora per un paio di chilometri. C’è un bar,fermo là davanti e ti faccio scendere. Ti tiri giù la gonna,ma mi eccita saperti senza mutandine. Mi guardi perplessa,ma mi segui fiduciosa. Entriamo nel bar ci sediamo su due sgabelli quelli alti del bancone ordino due analcolici.
    
    Ti sussurro di tenere le gambe leggermente aperte,mi piacerebbe che qualcuno intravedesse là in mezzo alle cosce la tua bellissima figa. Sei rossa in viso e sono sicuro che questa cosa ti sta eccitando. Ti siedi in modo che appena,appena ti giri il cliente seduto al tavolo riesce a guardarti tra le gambe. Ci sai fare,sei davvero coinvolta in questo gioco. L’uomo strabuzza gli occhi,tu non lo degni nemmeno di uno sguardo,lui non ci crede,guarda meglio e fa cadere il tovagliolo per terra
    
    Si china per raccoglierlo e tu per dispetto serri le gambe. Io osservo mentre sorseggio l’aperitivo e mi rendo conto che stai entrando nel ruolo. Il colpo di grazia glielo dai quando ti giri completamente per scendere dallo sgabello: ora si che te l’ha vista la tua patatina,sì tutta e suppongo anche leggermente aperta data la posizione e poi il pelo che immagino già tutto bagnato. Lui ti segue con lo sguardo,mentre tu ti metti sotto il mio braccio e usciamo incuranti dal locale.
    
    Non dici nulla,aspetti un mio commento. Si la serata comincia bene. Conosco un posticino dove le coppiette si fermano a fare l’amore. Ci arriviamo in cinque minuti. E’ un grande parcheggio,dove la sera c’è un via vai di coppie e guardoni che satura l’aria di sesso.
    
    Mi fermo al limite opposto dell’entrata, c’è già un’altra macchina ferma,nel buio si intravede una coppia abbracciata,mezza spogliata che freneticamente si tocca.
    
    Tu la guardi eccitata,poi guardi me. Tra gli arbusti ben nascosti ci dovrebbero essere dei guardoni
    
    che spiano .L’aria Sta diventando pesante,io ti sbottono la camicetta,te la sfilo e quasi ti strappo di dosso il ...
«123»