1. Dammi un segno


    Data: 21/12/2020, Categorie: Sentimentali Autore: bimbobello, Fonte: EroticiRacconti

    Ancora adesso, non credo che allontanarci sia stata la cosa giusta, non sai cosa pagherei per sapere se il vuoto che ho lasciato dentro di TE sia equivalente a quello che ogni giorno cerco di colmare facendo finta che non sia successo nulla.
    
    Con affetto
    
    La donna scese dal treno, erano passati alcuni anni dall'ultimo messaggio che si erano scritti a quell'indirizzo mail.
    
    Si erano conosciuti quando lui, dopo aver letto l'ultimo racconto erotico da lei scritto, l'aveva contattata chiedendole se fosse interessata ad approfondire. Ne era nata una splendida amicizia, alla quale avevano dovuto rinunciare, per la pressante gelosia del marito. Erano diventati amici di penna, anche intimi ma guidati da una costante comune, il rispetto reciproco.
    
    Mai una parola oltre il lecito, mai un coinvolgimento totale ma solo un incredibile affetto. Forse, confidarsi con qualcuno che comunque non giudica e sa ascoltarti, forse il fatto che non guardarsi negli occhi facilita la perdita delle inibizioni, aveva contribuito a cementare il loro rapporto. Poi un silenzio assordante, aveva vinto il rispetto e l'amore per il marito, ne aveva sofferto lei e di conseguenza lui. Si era assopita nella carrozza del treno risvegliata da una voce di un altoparlante..." Stazione di ....., stazione di ....., si scende...." Uscita dalla stazione si domandò " E adesso? Nessuno sapeva che fosse li!!!
    
    Solo lei ed il proprio cuore, e le gambe che tradivano l'emozione di una ricerca al buio.
    
    Nel messaggio di addio lui le aveva detto" Cercami se hai bisogno di me!!! " e lei aveva promesso. Era stato in quel momento che lui le aveva rivelato il nome del paese nel quale viveva, lei lo aveva memorizzato, chiudendolo nel cassetto dei sogni proibiti.
    
    Adesso era venuto il momento di aprirlo, scorse velocemente gli orari degli autobus e individuato il suo salì fra mille domande senza risposta che le martellavano la testa. Entrò in paese e dopo essere scesa si diresse ad uno dei bar sulla piazza e ordinò un succo di frutta. Era decisamente una donna superiore alla media, una bellezza fiera e desiderabile, lo notarono anche alcuni avventori seduti al tavolino.
    
    In quel momento si chiese come avrebbe fatto a trovare una persona di cui conosceva solo il nome, l'età ed il nome di battesimo della moglie.
    
    Senza dubitare delle proprie capacità investigative e del poco tempo che aveva a disposizione, l'indomani sarebbe partita per Milano per una visita alla figlia, domandò ad una signora di mezz'età:" Buongiorno, mi scusi conosce per cortesia un uomo di nome Armando che ha una moglie di nome Caterina?" Li ho conosciuti in una vacanza in Toscana ma non ricordo il cognome!!!" La risposta le apri' il cuore, "Certo che lo conosco se vuole l'accompagno dove lavora tanto mi è di strada" . "Eccoci arrivati, lavora li" . Dopo mille ringraziamenti si ritrovò di fronte agli uffici di un magazzino , indecisa sul da farsi, ma felice della scoperta.
    
    Prese il coraggio a due mani e salendo una ...
«123»