1. La carbonaia


    Data: 21/11/2020, Categorie: Anale Gay / Bisex Masturbazione Autore: kazzoduro, Fonte: xHamster

    Correva la fine degli anni cinquanta. Allora di nudo non se ne parlava proprio, in spiaggia facevano la loro apparizione i primi bikini, il collant non era ancora stato inventato e le donne portavano le calze a velo sostenute dagli elastici o dai reggicalze.
    
    Chi aveva la fortuna di poter andare a Parigi poteva assistere a qualche spogliarello che terminava con una fugace visione di un seno nudo e, se era misericordioso, portava agli amici un paio di riviste in bianco e nero con qualche donnina seminuda.
    
    Di sesso se ne parlava pochissimo, le ragazze volevano arrivare vergini al matrimonio, e dato che nel frattempo i casini erano stati chiusi, a noi ragazzi restavano solo le puttane di strada o qualche amica più disinibita delle altre disposta a farsi palpeggiare un po'. Se eri davvero fortunato, riuscivi al massimo a farti tirare una sega sui sedili posteriori della seicento di papà.
    
    Allora frequentavo l'università e, preso com'ero dagli studi, non avevo tanto tempo da dedicare alle ragazze. Quando era libero andavo alla partita o a giocare a biliardo con gli amici.
    
    Un giorno Antonio, il figlio dei nostri custodi che aveva più o meno la mia età e col quale eravamo praticamente cresciuti insieme, mi chiese con aria misteriosa di seguirlo in cantina dove, in un locare un tempo adibito a carbonaia ed ormai abbandonato, si trovava una vecchia e malandata valigia di cartone.
    
    L'ho trovata nella cantina dei R. - mi disse - quelli che hanno traslocato il mese scorso. La cantina l'hanno fatta svuotare dal robivecchi, ma io ho fatto un giro prima di lui per vedere se c'era qualcosa di interessante ed ho trovato questa - aggiunse indicando la valigia - doveva essere del vecchio, quello che è morto tre o quattro anni fa.
    
    E allora? - gli feci io.
    
    Prova ad aprirla - mi rispose.
    
    All'interno della valigia, buttate alla rinfusa, c'erano un centinaio di vecchie fotografie in bianco e nero alla cui vista mi sentii balzare il cuore in gola e, contemporaneamente, mi sentii drizzare l'uccello dentro i calzoni.
    
    Non avevo mai visto prima niente di simile e, con mani tremanti, mi misi a sfogliarle ad una ad una.
    
    Ritraevano donne di ogni età, ma soprattutto giovani, in compagnia di uomini, di altre donne e, in qualche caso anche scene di orge.
    
    Le immagini erano assolutamente esplicite e fissavano scene di accoppiamenti con primi piani dei sessi.
    
    Che ne dici? - domandò Antonio dopo un po' che mi rigiravo quelle foto tra le mani tremanti.
    
    Accidenti - feci - mai visto niente di simile.
    
    Ce ne sono alcune davvero arrapanti - disse.
    
    Le hai da molto?
    
    Qualche giorno.
    
    Chissà le seghe che ti sei sparato.
    
    La prima volta che le ho viste, quando ho trovato la valigia, sono addirittura venuto nei calzoni.
    
    Ti capisco - gli feci io - a un certo punto stavo per venire anch'io.
    
    Certo che sono forti - aggiunsi - guarda questa.
    
    Gli passai una foto in cui due belle donne, in posizione di sessantanove, si leccavano reciprocamente la ...
«1234...8»