1. La fica sborrata di mia figlia 4


    Data: 20/11/2020, Categorie: Incesti Autore: Incest 2014, Fonte: EroticiRacconti

    QUESTO E'IL CAPITOLO 5° - MI SCUSO PER L'ERRORE
    
    Rassicurato dalle parole di Sandra e dopo i primi attimi di esitazione,mi ero seduto sul pavimento di fronte a lei e dopo aver assunto una postura comoda,avevo cominciato ad accarezzarle il piede e la gamba sino al ginocchio.
    
    Poi,sollecitato dalle sue parole,avevo cominciato a leccarle le dita e la pianta dei piedi con timidi approcci.
    
    D'un tratto,mentre ancora non avevo preso completa confidenza col suo arto,lei si è distesa e sollevando le gambe,aveva cominciato a strusciare entrambi i piedi sul mio viso e sorridendo maliziosamente,mi invitava ad imboccare le dita e succhiarle come fossero prelibatezze.
    
    Lentamente,avevo capito i suoi gusti e mentre le leccavo e succhiavo entrambi i piedi,lei aveva chiuso gli occhi ed aveva cominciato ad ansimare.
    
    -Che bello...che bello...vedi com'era facile...hai imparato presto.
    
    Ora succhiami bene gli alluci come se mi stessi facendo un pomp.....-
    
    Mentre la succhiavo i suoi ansimi salivano di tono.
    
    -Amore...pennellami le gambe sotto l'attaccatura delle ginoccia e poi risali sino all'interno delle cosce che voglio sciogliermi alle carezze della tua lingua e all'umido dell tua saliva.
    
    Bagnami tutta,fammi vibrare,suona il mio corpo come fosse uno strumento musicale.
    
    Oddio...se ripenso a quando me lo faceva lui....non mi aveva ancora sverginata ma mi faceva godere sfiorandomi soltanto con la lingua tra le cosce,sotto le ascelle,ciucciandomi i piccoli capezzoli sporgenti come gemme di rosa(così mi diceva lui) sui miei seni ancora acerbi ma sensibili ai primi approcci erotici.
    
    Mmmmm.... che bello...così...continua così....scalami anche tu...conquista con la tua lingua il bottoncino a guardia del mio scrigno già umido per la tua bocca.
    
    Siii...cosiiii....aprimi le grandi labbra...entraci dentro....chiavami con la lingua...leccami li...succhiami...bevi il mio brodo....fammi godere...aaaaa...ahhhhhh....godo....godo....-
    
    Godeva,si contorceva e spingeva la mia testa dentro di se e mi sentivo risucchiato nel suo corpo e nella sua mente e mi sentivo rapito in un piacere immenso nella consapevolezza che ero io in quel momento a farla godere in un modo per me sconosciuto.
    
    Quando gli effetti dell'orgasmo si erano chetati ed il suo corpo giaceva abbandonato sul divano,io ero ancora inginocchiato e con la testa tra le sue cosce,percepivo le sue carezze sui miei capelli e sentivo che mi sussurrava qualcosa che non riuscivo a decifrare ma che percepivo come sensazioni sublimi.
    
    -Vieni qui Antonio,siediti accanto a me.-
    
    Sandra come a volermi ringraziare,mi stringeva a se e mi ricopriva di dolci bacini ed io assolutamente incapace di ogni reazione,la lasciavo fare.
    
    Roteava la lingua intorno alle mie labbra,i miei occhi,mi tillava gli orecchi soffiandovi il alito caldo e vitale.
    
    Mi infilava la lingua in bocca cercando la mia coinvilgendola in una danza umida,vorticosa e sensuale.
    
    -Scommetto che ti sei bagnato anche tu.-
    
    Mi aveva ...
«123»