1. Voglia di cazzo nel culo!


    Data: 19/11/2020, Categorie: Prime Esperienze Autore: CoppiaPorcella-PR, Fonte: Annunci69

    La prima volta che l’ho fatto anale?
    
    Come dimenticarla, un’esperienza tanto “banale” quanto indimenticabile.
    
    Da tempo che avevo il sospetto che volesse il mio culo, in realtà ce lo dicevamo spesso, ma sapevo che avrebbe fatto fatica a chiedermelo. La verità è che io ero vergine in quello e non avevo il coraggio di dirglielo. Già dal primo incontro mi poggiò la cappella lì, ma non me la sentii proprio, trovai una scusa e gli dissi che non mi sentivo pronta. Lui adorava, anzi adora, il sesso anale. Come me, ora.
    
    Avevamo preso una stanza in una bellissima villa alle porte di Parma, era la prima volta che avremmo passato tutta la nottata assieme. Ci eravamo incontrati già due/tre volte ma senza mai restare assieme più di qualche ora. Tra me e lui c’è un qualcosa che non so spiegare. Oltre alla complicità sessuale c’è quella mentale fondamentale per giocare e stuzzicarci e tenere alto sempre il desiderio uno dell’altro nonostante la distanza.
    
    Iniziammo dalle solite coccole, baci che scendevano giù dal collo per finire per perdersi nei miei grossi seni. Ci toccavamo come se i nostri corpi fossero stati lontani per tanto, sentivo il suo desiderio scambiarsi col mio e presto restai in perizoma coi seni liberi e i capezzoli che per il freddo cominciavano a diventar sempre più turgidi. Mi baciava con passione. Mi voleva e io volevo lui.
    
    Mi buttò sul letto e continuandomi a baciare scese giù sul mio ventre, mi sfilò le mutandine e rimasi nuda davanti a lui. Mi avvicinai a lui per baciarlo e gli sfilai la t-shirt e slacciargli i jeans. Faci cadere i suoi pantaloni lungo le gambe.
    
    Il suo cazzo era duro , lo vedevo, e non vedevo l’ora di averlo tra le mie labbra e sentirlo pulsare nella mia bocca. Per far veloce si spogliò e facemmo subito un 69 per cominciare bene.
    
    La sua lingua entrava dentro e usciva dalla mia figa per poi passare a far compagnia alle sue dita che, con movimenti circolare, giocavano col mio clitoride. Sentivo un piacere che pian piano cresceva dentro di me. Il piacere che sentivo lo trasmettevo con la mia bocca al suo cazzo. Quando l’ho in mano mi perdo, passerei le ore a succhiarglielo. Baciavo l’asta per soffermarmi poi alla sua grande e rosa cappella. Mi piace stuzzicarla per sentire quella gocciolina di piacere uscirgli dal cazzo. Sento il suo cazzo che pulsa in me e questo mi spinge a farlo scendere sempre di più giù.
    
    Amo il suo cazzo quando mi sfonda e me ne prendo sempre molta cura quando facciamo i preliminari e tra una pausa ed un’altra, il suo membro è sempre nella mia vogliosa e calda bocca.
    
    Mentre giocavamo mi infilò un bellissimo plug con il diamante azzurro nella parte finale nell’ano. Sentii entrare una cosa fredda nel mio culo. Era la prima volta che qualcuno spingeva qualcosa dentro me, per un attimo sentii una sensazione di una fitta profonda poi il vuoto e un oh si uscì dalla mia bocca nonostante fosse piena del suo cazzo che scendeva sempre più in profondità nella mia gola.
    
    Dopo poco più ...
«123»