1. book fotografico


    Data: 18/11/2020, Categorie: Dominazione / BDSM Autore: camerierabionda2, Fonte: RaccontiMilu

    Ciao a tutti sono sempre io Dalila, ormai dopo la mia prima confessione ho preso gusto a raccontarvi le mie esperienze, specie perché mi eccito pure io.
    
    Circa due estati fa sempre nella pizzeria dove faccio la cameriera d’estate, ho conosciuto un fotografo, di cui non faccio il nome, questo tipo ha iniziato a dirmi un sacco di cose del tipo che io avevo il fisico adatto per fare la modella, che ero bellissima e che lui aveva molte conoscenze e che non sarebbe stato un problema, e mi chiese se poteva farmi qualche scatto, però prima di tutto avrebbe voluto parlarmene di persona in una sede diversa, io ho accettato tutta entusiasta, e ci siamo dati appuntamento per andare a mangiare una pizza insieme, dove la con più calma avrebbe potuto illustrarmi tutto, lui era della provincia di Caserta, se non sbaglio, io per non fare brutta figura, avendo abboccato a quello che mi diceva, mi sono presentata tutta in tiro, i miei capelli biondi sciolti e lisci, e un vestitino cortissimo a bratelline con dei sandali modello schiava, tutti allacciati ai polpacci.
    
    Lui come mi ha vista mi divorava con gli occhi, comunque aveva un forte accento campano, dopo un mare di complimenti abbiamo ordinato e cenato, lui continuava adirmi che ero bellissima e che doveva far vedere assolutamente le mie foto e che mi avrebbe fatta diventare famosa, mi ha detto che ero sprecata come cameriera in una pizzeria e che avrebbe pensato lui ad inserirmi nell’ambiente giusto.
    
    Finita la cena abbiamo passeggiato un po, poi mi ha detto, che era meglio non aspettare e che poteva farmele subito dele foto a casa sua la al mare perché aveva una macchina fotografica e mi avrebbe fatto un book fotografico, io ho accettato e l’ho seguito, aveva un appartamentino fittato e all’interno faceva un caldo indescrivibile, mi ha portata nella stanza più grande di quell’appartamento che era la camera da letto e la ha iniziato a farmi degli scatti, prima completamente vestita come ero, poi stesa sul letto sempre vestita, e poi mi disse che doveva frmele in costume da bagno, m io gli dissi che non avevo ala momento un costume a seguito, quindi lui mi disse che andava bene pure con l’intimo, che tanto era come un bikini, ma io la gli ho detto che purtroppo di intimo avevo solo il perizoma, e lui mi ha risposto che era perfetto cosi avremmo aggiunto un tocco sexy, solo che io un po mi vergognavo e gli dissi che forse non era il caso, ma lui incalzò dicendomi che certi treni non bisogna perderli e che tanto era come se fossi in toples, allora io un po mi sono convinta anche se mi sentivo le guance rosse dalla vergogna, ho tolto il vestitino, e sono rimasta in quel modo anche se all’inizio ho cercato di coprirmi il seno con le mani, ma lui me le ha fatte togliere dicendomi:
    
    – ehh senti bella e papà se vuoi farlo lo facciamo altrimenti non ho tempo da perdere con bambine come te.
    
    Io ho risposto:
    
    – ma mi vergogno non è il fatto di essere bambina.
    
    E lui:
    
    – allora se ti vergogni rivestiti e ...
«123»