1. Leila sola nel camper


    Data: 25/10/2020, Categorie: Autoerotismo Etero Sensazioni Autore: abisso, Fonte: RaccontiMilu

    Sei sdraiata sul letto, a pancia sotto!
    
    Sei sdraiata tra i succhi dei tuoi orgasmi, dei tuoi piaceri solitari. Solitari, ma assoluti, forse i migliori, dove il piacere &egrave solo per te, non per lui, non per altri, non per altre! Solo per te, come piace a te, solo come il tuo clitoride che si sfrega sulle lenzuola sa donarti …
    
    Quel piacere indescrivibile a parole, di far l’amore con se stessi, con il proprio corpo, con la propria anima, e soprattutto con la propria mente!
    
    Lisa … mente!
    
    Ma la mente di Lisa no! La mente di Lisa sa quello che vuole … e sa come ottenerlo!
    
    Leggi le mie storie.
    
    Chiudi gli occhi!
    
    Stringi le gambe, il clitoride gonfio, le lenzuola bagnate … tutto ti da quello che la mente di Lisa chiede!
    
    Nel tuo camper, sola con te stessa, sola con il tuo piacere, sola con la tua mente … una mano appare sulla tua schiena, continui a tenere gli occhi chiusi, sai che sono io, sai che se li apri io svanirò …
    
    La mia mano scende, percorre la spina dorsale, s’insinua tra i glutei, dischiude le tue labbra ed entra, con forza, prepotenza e contemporaneamente dolcezza!
    
    Esco da te, lentamente, facendo scorrere le dita, ruotandole, per rituffarmi di prepotenza in te!
    
    Continuo così, per un tempo interminabile, fino a uscire completamente.
    
    Giro intorno a te, senti l’odore del mio sesso di fronte al tuo viso, al tuo naso, alle tue labbra! Le dischiudi, ma io arretro!
    
    Stringi le gambe, il clitoride pulsa. Lo vuoi schiacciare e sentire.
    
    Le mie mani strisciano sulle lenzuola, afferrano i tuoi seni, strizzano i tuoi capezzoli.
    
    Sorpresa, dolorante, eccitata … spalanchi la bocca: il mio sesso entra in essa! Mi afferri i glutei, mi tiri a te, ingoiando il più possibile! Ma con una mano stringo il tuo polso, tiro i tuoi capelli fino a farti male …ed esco da te, rimanendo a pochi centimentri! Allunghi la lingua nel tentativo di afferrarlo … lo cerchi, lo vuoi più di ogni cosa … ti torturo ancora, e quando sento il tuo orgasmo avvicinarsi, te lo concedo! Spingendo fino in fondo! Mentre le mie mani corrono sulla schiena a possederti nelle tue fessure … ti voglio piena! E mentre tu succhi le mie dita si infilano nei tuoi buchi, spingendo a fondo, in fica e in culo, martellando il tuo corpo, fino a sentirti esplodere in un interminabile orgasmo e contemporanemente riempirti la bocca della mia crema!
    
    Ancora ad occhi chiusi, urli, ansimi, gemi fino a calmarti … riapri gli occhi e io non sono più lì, ma a centinaia di km da te! 
«1»