1. Oh mamma! - 25 - La mamma e il Mandingo hanno dato spettacolo


    Data: 17/10/2020, Categorie: Incesti Autore: Cuck 2019, Fonte: EroticiRacconti

    ... lingua gli titillava il frenulo e con le labbra dischiuse,raccoglieva le gocce che come stille le colavano in bocca.
    
    Era incredibile vedere con quanta velocità riusciva a far cambiare postura ai due corpi senza mai perdere il contatto con le zone più erogene del suo maschio.
    
    Nei vari movimenti,ognuno di noi in funzione della postura,poteva verificare che non solo il maschio era eccitato al massimo ma anche lei,dal sesso accaldato rilasciava filamenti lucidi di umori.
    
    Che spettacolo!
    
    Che vitalità!
    
    Che lezione di sesso eccitante e disinibito stava dando a tutti noi!
    
    Poi facendo assumere ancora al maschio la postura supina aveva ripreso la posizione a 69 per succhiarlo e farsi leccare prima di girarsi ancora e portarsi col bacino all'altezza della verga e finalmente impalarcisi sin dove l'anatomia del suo profondo sesso potesse accoglierlo.
    
    In verità riusciva ad ingoiarlo quasi tutto tanto era abituata a prenderlo.
    
    A quel punto,tenendogli le mani sul petto,aveva cominciato a cavalcarlo con un ritmo crescente sino ad esplodere in un grido soffocato dall'orgasmo sopraggiunto improvviso e violento.
    
    Il respiro del maschio oramai somigliava più allo sbuffare di un treno che non al gemito di un uomo.
    
    Mia madre con un nuovo scatto felino,si era sollevata e dopo averlo sfilato dalla fica,l'aveva puntato sul buco del culo e se l'era inghiottito tutto di schianto.
    
    Lo schiocco delle natiche sui testicoli e delle grandi labbra sul pube del maschio era stato impressionante come il suono di un remo sbattuto sull'acqua.
    
    Col cazzo conficcato in se sino al colon,si era abbassata sul maschio e gli aveva offerto la bocca per un lungo,profondo e lascivo bacio all'altezza dello scandaloso e profondo e innaturale accoppiamento anale.
    
    Mentre si baciavano con le lingue nervosamente intrecciate,lei faceva scorrere nei suoi intestini l'enorme intruso sino a che il maschio infojato non aveva cominciato a contrastarla con potenti colpi di reni ed infine,emettendo un grugnito animale,non aveva cominciato a pomparle sino in gola i suoi impetuosi getti bollenti accompagnati dalle grida di mia madre che lo incitava a incularla e riempirla di sborra.
    
    A quel punto,mentre loro giacevano sbuffanti e madidi di sudore a noi ammirati ed annichiliti spettatori,non rimaneva che lasciarci andare ad uno scrosciante applauso.
    
    -Adriana....sei stata davvero magnifica....una troia immensa....hai saputo cogliermi di sorpresa togliendomi ogni capacità di reazione e per la prima volta in vita mia sono stato passivo.....che troia che sei e che meraviglia!
    
    Se le tue figlie sapranno seguire le tue orme,avranno una vita felice ed invidiabile.-
    
    Aveva detto Robert rimanendole dentro per altri dieci minuti prima di sfilarsi per rimettersi un po in ordine e rifocillarsi prima della successiva performances.
    
    segue 
«12»