1. Oh mamma! - 25 - La mamma e il Mandingo hanno dato spettacolo


    Data: 17/10/2020, Categorie: Incesti Autore: Cuck 2019, Fonte: EroticiRacconti

    Quando Robert aveva condotto mia madre nel centro del grande letto rotondo,avevo subito avuto l'impressione che volesse fare per noi uno spettacolo come quello che gli avevo visto fare al teatrino la sera in cui l'avevo visto per la prima volta.
    
    Mi aspettava però una grande sorpresa.
    
    Infatti quando recitava nei locali pubblici,lui era l'indiscusso protagonista della scena.
    
    Quella sera però,davanti a noi stupiti spettatori,la vera star era nostra madre.
    
    Era stata lei infatti che lo aveva immediatamente fatto distendere iniziando subito a lavorarlo con la bocca.
    
    Maneggiava il possente corpo del nero e la sua impressionante verga con una maestria che mai avrei potuto immaginare.
    
    Quando era venuto a chiavarla nella nostra camera d'albergo,tutti i giochi,le posizioni,i tempi ed i ritmi erano dettati da lui e mia madre si limitava a godere passivamente delle straordinarie prestazioni dello stallone.
    
    Quella sera davanti ai suoi figli,al professore ed alla sua figlia,era mia madre la protagonista indiscussa.
    
    Mentre lui era disteso,gli si era messa sopra a cavalcioni e come prima cosa gli aveva messo in bocca un metro di lingua che faceva roteare al ritmo del suo corpo e della fica schiacciata sul suo suo cazzo che come un bastone le scivolava tra le grandi labbra massaggiandole la clitoride.
    
    Dalle bocche congiunte,sortivano suoni come guaiti.
    
    Mia madre si era procurata un primo orgasmo semplicemente massaggiando la fica chiusa sul nerboruto bastone.
    
    Poi si era girata a 69 ed aveva attaccato alla bocca del nero la sua fica grondante di umori e facendo roteare il bacino,si procurava le stesse sensazioni di prima.
    
    Contemporaneamente faceva scorrere la lingua sull'asta spingendosi oltre i testicoli sino al perineo.
    
    Poi risaliva soffermandosi sul frenulo prima di leccargli l'enorme glande circonciso ed il forellino uretrale dal quale spuntavano gocce di miele che raccoglieva con la lingua e mandava giù insieme all'abbondante saliva prodotta dalle sue voraci pennellate.
    
    Poi gli aveva fatto assumere una postura in ginocchio col bacino sollevato e la testa appoggiata al materasso ed allargandogli le natiche,si era intrufolata con la testa e con la lingua aveva cominciato a leccargli il pertugio anale scendendo sino ai testicoli mentre con la mano armeggiava col suo bastone come fosse una clava.
    
    La lingua sul buco del culo,poi due dita dentro mentre con la bocca gli succhiava e mordeva i testicoli.
    
    Era evidente il grado di eccitazione al quale aveva portato il maschione.
    
    Il suo corpo si muoveva al ritmo delle sollecitazioni di mia madre mentre dalla sua bocca i gemiti divenivano sempre più forti e serrati.
    
    Dalla sua postura mia madre deve aver percepito sulla mano i fluidi pre-spermatici che sortivano dal buchino sul glande e con un movimento felino,si era distesa supina e gli era sgusciata sotto la pancia sino ad arrivare al glande con la bocca.
    
    Da quella posizione,lo segava con una mano mentre con la ...
«12»