1. Puttane


    Data: 15/10/2020, Categorie: Sesso di Gruppo Autore: HiddenWorld, Fonte: EroticiRacconti

    Fa caldo, il sudore mi scende a goccioline da tutto il corpo, il mio corpo nudo, appiccicoso della sborra e degli sputi dei 15 amici che hanno festeggiato l'addio al celibato di uno sposo che è stato il primo ad infilarmelo nel culo, "tu sei una lurida puttana, mia moglie non è così" e mentre lo urlava rabbioso si aggrappava con le mani ai miei fianchi.... Gli altri ridevano, ho pensato "oh beh, anche se glielo metti in culo non se ne accorge neppure tanto è piccolo il tuo cazzettino" e mentre ho le ginocchia affondate sulla finta pelle del divanetto della saletta privata del locale un altro del gruppo me lo infila in bocca.
    
    Gli amici dello sposo lo spostano, non viene neppure, adesso è il loro turno, hanno pagato e vogliono far rendere i loro soldi.
    
    Si slacciano i pantaloni, le camice , le cravatte e li guardo eccitati masturbarsi davanti a me.
    
    A turno mi infilano dentro di tutto, cazzi, mani, vibratori, e perfino il collo di una bottiglia di vino dalla quale poi continuano a bere a turno .
    
    Io godo, si godo dei loro corpi, della loro depravazione, godo di me.
    
    Li guardo negli occhi vorace mentre succhio i loro cazzi duri e pulsanti, alcuni sembrano intimiditi, neppure l'aiuto del branco li fa sentire veri uomini.
    
    Mi offro a loro come vogliono. E continuano a prendermi fino a che uno per uno mi schizzano addosso, in faccia sul seno, sulla schiena.
    
    Sono finiti, mezzi ubriachi e stanchi, mi alzo, li guardo, mi piace guardare gli uomini, non mi faccio neppure la doccia, mi passo un asciugamano sulla faccia per togliere il grosso della sborra e mi rivesto, e passo accanto al tavolino con i soldi sopra, li conto, ci sono tutti, esco.
    
    Al primo angolo c'è un senza tetto, gli do tutto, duemiladuecentoeuro, perché stasera non si sono neppure accorti che erano loro le mie puttane .
«1»