1. Una sveltina inaspettata prima della festa


    Data: 15/10/2020, Categorie: Tradimenti Autore: Ermet24, Fonte: EroticiRacconti

    Claudia si stava finendo di preparare, c’era la festa di laurea di un suo compagno di liceo che aveva invitato lei e alcuni suoi vecchi compagni di classe e fatalità aveva invitato anche lui. Claudia lo aveva incontrato in palestra, dopo che non lo vedeva dagli anni del liceo e lo aveva trovato estremamente migliorato dal liceo: Dove anni prima c’era un fisico grasso, ora c’erano muscoli grossi,pompati dall’attività di body building.
    
    Anche lui era stato invitato alla festa, ed ecco perché quando si erano reincontrati in palestra, pochi giorni prima, avevano deciso di andare insieme e ora claudia mentre si preparava lo stava aspettando, prima sarebbe passato a prendere lei e poi una loro amica comune.
    
    Il citofono squilló, ma Claudia non era ancora pronta per scendere e gli disse di salire al primo piano, così non l’avrebbe aspettata fuori mentre lei finiva di prepararsi, Lei accostó la porta e riprese a finire di truccarsi di fronte allo specchio in corridoio.
    
    Dopo poco entró lui con indosso un completo nero e camicia bianca, molto classico ma efficace, chiuse la porta alle sue spalle e la vide: I capelli castano rossicci appena piastrati, una maglia nera a maniche lunghe dal tessuto leggero infilata sotto a una minigonna beige a quadretti molto aderente, le gambe avvolte da calze nere, che terminavano con dei tacchi.
    
    Lei si voltó e gli sorrise. Lo salutó dicendo che appena finito di truccarsi lo avrebbe salutato bene, lui si appoggiò al muro vicino la cucina in corridoio e lei appena ebbe finito di truccarsi lo andò a salutare con i consueti baci sulle guance.
    
    “ finisco in un attimo e andiamo “ disse lei. “ tranquilla fai con comodo, non ci corre dietro nessuno “ rispose lui. Lei si rimise davanti allo specchio a guardarsi. “ come sto? Che dici? “ chiese lei sempre guardando lo specchio ma rivolgendosi a lui. “ stai benissimo “ rispose lui. “Non pensi sia troppo?”. “Assolutamente no “. E risero.
    
    Lei continuó a guardarsi allo specchio, si afferró i bordi della gonna e fece come per tirarseli giù e nel mentre scuoteva il sedere: “Mado sto diventando una culona. Non mi è mai stata così stretta questa gonna”. Il sedere dentro alla gonna le straripava, era estremamente formoso in quell’abito così aderente e lui glielo avrebbe sbattuto dentro li senza pensarci un attimo. “Quella gonna ti fa un sedere bellissimo”.
    
    Lei si voltó e gli sorrise compiaciuta dal complimento e convinta da quelle parole andó in camera a prendere gli orecchini e tornó davanti allo specchio per infilarli. A un certo punto lei disse dal nulla “ mazza comunque hai fatto un lavoro ne in palestra in questi anni”. “ ti riferisci a l’altro giorno ?” Chiese lui. “Si” Rispose lei. Quando si erano visti l’altro giorno lui era senza maglia. “ beh diciamo che mi ci sono chiuso proprio, mi piace, mi fa sentire bene” disse lui. “ no davvero non me lo aspettavo, bravo proprio” Commentó lei. “ quindi ti è piaciuto ciò che hai visto ?”. L’imbarazzo caló su di loro ...
«12»