1. Aspettando lei.....1*puntata


    Data: 13/10/2020, Categorie: Tradimenti Autore: infinito64, Fonte: Annunci69

    Mi aveva preannunciato il suo incontro con un suo ammiratore .
    
    Mi aveva chiesto più volte se mi intrigava l'idea.
    
    Ovviamente le avevo manifestato più volte nelle ns fantasie, il desiderio di saperla posseduta da un altro uomo.
    
    Così quando mi prospetto questo incontro , non potei far altro che acconsentire.
    
    Era una sua voglia o era il desiderio di esaudire una mia fantasia ?
    
    Dopo tanto fantasticare, finalmente stava per realizzarsi la mia fantasia.
    
    Quella mattina dovevo andare fuori città e sarei rimasto lontano da dove era lei almeno fino al primo pomeriggio. Lei inoltre, aveva appuntamento con il suo ammiratore ma non conosceva ancora ne dove l'avrebbe condotta ne poteva immaginare come si sarebbe svolta la mattinata. Aveva avuto il mio assenso ma non sapeva cosa sarebbe accaduto ne i particolari.
    
    Per suo espresso desiderio, voleva farmi partecipe dell'evoluzione e cosi ogni tanto mentre lavoravo sentivo il telefonino che mandava segnali dei suoi messaggi, nei quali mi informava che era stata raggiunta da lui nel parcheggio di un centro commerciale che era scesa e si era accomodata nella sua auto. Da qui poi dopo qualche approccio da parte di lui , l'aveva informata che voleva portarla in un albergo molto carino e particolare che si trovava da quelle parti. Con questo messaggio lei continuava a verificare se da parte mia c'era ancora la voglia e il desiderio che lei proseguisse nel gioco. Ovviamente non ricevendo nessun messaggio contrario a quello che stava per accader, lei si sentiva più serena e tranquilla e poteva tutto sommato dedicarsi alla realizzazione del suo gioco personale. Si perché è vero lei giocava per me e con me, ma allo stesso tempo era anche un suo gioco personale, voleva verificare le sue doti sia di seduttrice sia di amante e capire fino a che punto mi intrigava che lei facesse tutto questo.
    
    Erano le 10 quando incominciarono a muoversi dal parcheggio e dopo appena 15 minuti stavano già entrando in un alberghetto li vicino che lui conosceva molto bene, perché frequentato spesso in compagnia delle sue innumerevoli conquiste.
    
    Si perché ovviamente aveva pensato bene di scegliere come prima esperienza del nostro gioco un soggetto molto abituato alla situazione, un soggetto molto fisico e poco mentale, perché come sosteneva lei il coinvolgimento mentale era nostro, mentre lui era solo lo strumento per giocare.
    
    Lui spesso le aveva manifestato il suo interessamento, ma lei aveva sempre fatto capire che non le interessava soprattutto perché sposata.
    
    Poi successivamente aveva pensato che invece poteva essere il soggetto adatto per realizzare le nostre fantasie. Non ricevetti più notizie fino alle 15.
    
    Ora diciamo che per tutto queste ore io avevo continuato a lavorare in uno stato mentale particolare. Vivevo sensazioni molto contrastanti. Ero sereno e avevo fiducia nelle sue capacità di gestire le situazioni, ma allo stesso tempo ero incuriosito e vivevo una fase di semigelosia.
    
    Non era una vera e ...
«12»