1. Noi due


    Data: 07/10/2020, Categorie: Sentimentali Autore: Ginnylinny, Fonte: EroticiRacconti

    In matematica non sono mai andata bene, meno che meno la geometria, la mia personale bestia nera. Tutti quei postulati e teoremi, troppo complessi per me.
    
    “ Due rette che scorrono parallele tra loro non si incontrano mai”, non capivo perché non lo potessero fare. Mi sembravano solo spiegazioni campate in aria, troppo astratte perfino per una come me, che ha sempre la testa tra le nuvole.
    
    Mi sei entrato in testa fin dal primo istante, ma come sempre, l’ho ammesso a me stessa solo mesi e mesi dopo.
    
    Ci siamo conosciuti a lavoro, le chiacchiere ci hanno legato immediatamente, mentre cercavi di farmi ambientare.
    
    Mi hai coinvolta nelle cene tra colleghi, nel gruppo whatsapp di lavoro, dove però parlavamo quasi sempre solo io e te.
    
    Siamo passati così ai messaggi privati, il tuo buongiorno era il primo che ricevevo alla mattina così come la buonanotte, erano sempre i tuoi.
    
    Quante uscite da soli e dopo la serata in auto, a parlare fino alle 3 di notte, avvolti dal fumo di una sigaretta che ci smezzavamo sempre.
    
    Quante cose che ci siamo confidati, era come avere una persona perfettamente speculare a me, tranne che per un piccolo dettaglio, che non ci rispecchiava.
    
    Non ti ho mai confessato il sentimento che provavo, che ti ho sempre tenuto nascosto, dietro alla facciata di tua migliore amica.
    
    Mentre tu passavi da una ragazza all’altra, restando sempre presente con me, io ero gelosa di te ed invidiosa di loro.
    
    Espormi era fuori discussione, non avrei mai voluto rovinare il rapporto.
    
    Innamorarsi del proprio migliore amico dovrebbe essere bandito per legge.
    
    Io cercavo di allontanarmi da te, ma sapevo di non poter rinunciare ai nostri momenti:
    
    Al kg di gelato mangiato col cucchiaio da minestra, sul divano a casa tua, faccia a faccia mentre mi facevi ridere come una scema.
    
    Alle passeggiate col tuo cane per i colli, mentre progettavi che cena preparami, una volta tornati a casa tua.
    
    Al mazzo di chiavi che mi ha dato, con la spiegazione:“ così puoi venire quando ti pare, lascia anche il pigiama così quando dormi da me hai tutto pronto”.
    
    Non potevo smettere con con tutto questo, sarebbe stato come non respirare, vivere in apnea da te era per me fuori discussione.
    
    Ero entrata in un circolo senza ritorno e mi sentivo la tua fidanzata pur non essendolo.
    
    Tutte le volte che ti addormentavi sul divano a fianco a me, dopo cena davanti alla tv, reprimevo l’impulso di disegnare il contorno delle tue labbra con le mie.
    
    Mi hai spronato a fare tante cose, sei sempre stato autorevole e, quando lo eri, io bollivo sempre. Immaginavo la tua autorevolezza con me in altri ambiti o luoghi: tra le lenzuola di un letto, sopra a un tavolo o contro un muro.
    
    Ci legava già una bellissima intesa, che se si fosse spinta a livello sessuale, sarebbe stata esplosiva. La certezza l’avevo da quella macchia trasparente, la quale mi si espandeva repentina tra le mutande ogni volta che ci pensavo.
    
    Calda la sentivo invadermi l’intimità, ...
«12»