1. Amburgo, Diario segreto


    Data: 16/09/2020, Categorie: Etero Sesso di Gruppo Autore: framar61, Fonte: RaccontiMilu

    Sempre più persone, considerando Amburgo ancora meta di trasgressività, trascorrono interi week end girovagando per posti infami come St. Pauli e di St. Georg.
    
    Strade sporche, percorse da drogati e improbabili personaggi. Locali di strip alternati a casinò, casini e fast food fetidi. Femmine di rara bruttezza e travestiti repellenti smarchettano sui marciapiedi come non si vedeva più da anni in Germania. Colonie di branchi, barcollanti e sguaianti, con bottiglie in mano e cannoni in bocca, vanno avanti e indietro per le strade del quartiere nell’illusoria ebbrezza di vivere la trasgressione.
    
    Insomma un paesaggio fisico e umano squallido, allestito negli anni passati, quando ancora la prostituzione era illegale, ma qui tollerata, e che adesso è unicamente meta di balordi e turisti sessuali particolarmente disinformati.
    
    Se volete divertirvi ad Amburgo non ci sono molte mete. Dirigetevi dal vostro albergo, con vista lago, preferibilmente, verso la parte est della città, al al Club X’, o verso sud, al Club Y’.
    
    Quando entro verso mezzogiorno vedo già un paio di ragazze che stuzzicano i miei interessi. Sono al bancone del bar, un locale non molto grande ma accogliente, e belle nude.
    
    A me non dispiacciono anche i posti dove le ragazze sono vestite un po’ sexy, se non eccedono troppo nella volgarità da porno star di quart’ordine. Ma vederle tutte nude, se sono belle, come le due tipine che ho davanti, hai una gratificazione estetica che ti appaga subito la vista. Una è scura di capelli e di pelle, l’altra è bionda e con carnagione chiara.
    
    Stanno parlando e ridono tra loro come amiche in confidenza. Mi avvicino e mi presento. Alina, ragazza turca studentessa di economia, Laura, dalla Latvia, sua compagna di corso. La prestigiosa e costosa università di economia ad Amburgo, dove talvolta ho l’onore di fare qualche conferenza, è una vera fucina, oltre che di aspiranti manager ed esperte in pubbliche relazioni, di belle gnocche tedesche e straniere che per pagarsi le salate rette alimentano i club di molte città.
    
    Appoggio le mie mani sulle loro cosce, e in cuor mio ho deciso che una sessione a tre è quello che mi ci vuole per rompere la routine di quattro giorni senza sesso. Oltretutto mi mancano un po’ le mie due fidanzate che ho lascito a Milano, guarda caso bionda e bruna, e le due tipine mi evocano un’atmosfera di amorosa famigliarità che inizia a mancarmi.
    
    Cerco di sondare sensorialmente la loro disponibilità a un approccio a tre. Sorrido a una mentre bacio l’altra. Sfioro un seno all’una e ammicco all’altra. Do un bacio sulla guancia a una per poi scivolarle sulla bocca, e poi passo subito alle labbra dell’altra. Danno segno di gradire. Bene. Le invito ad andare in camera.
    
    Si alzano, e io da dietro, per osservarle bene, le seguo. Laura è un po’ più alta, diciamo 172, con una bella figura da ballerina, muscoli allungati e ben torniti e belle spalle dritte, culetto tondo e sodo. Alina leggermente più minuta, fisico sottile, ...
«1234...»