1. Bull: La Prima Esperienza


    Data: 16/09/2020, Categorie: Cuckold Sensazioni Sesso di Gruppo Autore: -Andreami-, Fonte: RaccontiMilu

    ... una donna che venisse così. Lecco e lei sussulta per la sensibilità che ora la fica le provoca.
    
    ‘Bello bello bello’ urla guardandomi e sorridendo.
    
    ‘Ora però tocca a te’
    
    Non me lo faccio ripetere due volte. La prendo per le caviglie e la tiro verso di me. Resto inginocchiato sulla moquette del camper. Lei rimane con la schiena sul divanetto. Le gambe aperte davanti a me. Punto la cappella pulsante sulle sue labbra che subito si aprono e mi fanno entrare con facilità. &egrave proprio sfondata la signora. Comincio subito a muovermi veloce dentro di lei. Colpi secchi di bacino che la fanno sussultare ogni volta. Lei comincia a masturbarsi il clito con una mano. Ci guardiamo. Ci sfidiamo.
    
    ‘Che foga’ mi fa lei.
    
    ‘Non sai quanto e come ti scoperei’
    
    ‘Dimmelo, dai’
    
    ‘Ora ti scopo un po’ la fica, poi ti vengo in bocca’
    
    ‘Sì-ìì’ rantola Martina.
    
    ‘Poi ricominciamo e te lo metto in culo’
    
    ‘Se ce la fai, il culo &egrave tutto tuo’ poi si gira verso Klaus, gli prende il cazzo e lo costringe ad avvicinarsi a lei. Se lo mette in bocca e mentre la sto scopando fa venire suo marito. Klaus ansima sempre più forte e Martina succhia tutto il suo nettare, senza farne uscire una goccia. Non so quanto posso resistere. Lascia andare Klaus. Lei viene una seconda volta, un po’ per il mio cazzo piantato in fica, un po’ per la sua mano che si muove veloce sul clito. Non resisto oltre.
    
    ‘Sto venendo, succhiamelo’
    
    Mi stacco da lei e mi metto in piedi. Lei seduta sul divano prende in bocca il mio cazzo. Succhia e con la mano mi masturba. Bastano pochi colpi e le vengo in bocca. Anche con me non si stacca dall’asta e ingoia tutto. Mi sento svuotato all’improvviso. Quando non c’&egrave più nulla da bere mi lascia andare. Mi siedo sfinito sul divano. Alla sua destra. Klaus a sinistra.
    
    ‘Che bravi i miei due ometti’ ci fa sorridendo.
    
    Passiamo qualche minuto a respirare profondamente. Ognuno immerso nei suoi pensieri. C’&egrave silenzio. Ogni tanto arrivano voci dal campeggio che ci riportano sulla Terra.
    
    Sento la mano di Martina che si riavvicina la mio pube. Prende tra le dita il pene moscio. Lo massaggia lentamente, scappellandolo il più possibile ogni volta. Mi giro verso di lei e vedo che sta facendo la stessa cosa anche a suo marito.
    
    ‘Non sei mai sazia. Proprio come in chat’ le sussurro
    
    ‘Lo sai che mi piace venire tante volte’
    
    Il mio cazzo comincia a sentire i benefici del massaggio. Quello di Klaus anche.
    
    Martina si piega su di me e ricomincia a spompinarmi. Basta poco per essere pronto di nuovo a giocare con lei. Quando &egrave certa della mia reazione si dedica al marito. Anche lui risponde alle attenzioni della moglie.
    
    Martina si alza. Mi guarda e si siede sul marito. Prende il suo cazzo e se lo infila nella fica. Gli dice qualcosa in olandese. Non capisco. Intanto mi massaggio il cazzo, anche se non ne ha bisogno per rimanere in tiro.
    
    ‘Non vuoi il mio culo?’ mi domanda ‘Voglio sentirvi tutti e due dentro di ...