1. Viaggio in Africa


    Data: 16/09/2020, Categorie: Dominazione / BDSM Etero Lesbo Autore: giuliadv, Fonte: RaccontiMilu

    ... sorridendo:
    
    Cagnetta! Hai voluto godere ed hai goduto. E’ stata una prima lezione per te. Sei contenta?
    
    Si.. si, signora
    
    – cercai di replicare con voce flebile temendo una reazione negativa ma non potendo occultare il mio stato confusionale.
    
    Bene
    
    – replico lei –
    
    Sei un po’ stravolta… lo capisco: cosa meglio di una bella doccia calda?
    
    Le due donne mi aiutarono ad alzarmi in piedi, in quella posizione mi trovai a percepire esattamente il trauma che avevo subito, camminavo a fatica e dovevo appoggiarmi a loro.
    
    Mi condussero verso la porticina da dove entrambe erano uscite nude. Dentro c’era un bagno alla turca come quello della stanza della soldatessa: mi fecero coricare per terra con la testa vicino al buco.
    
    Mi era allora perfettamente chiaro cosa stessero per farmi eppure, nel più profondo del mio intimo, desideravo quell’umiliazione finale che non tardò ad arrivare.
    
    Apri la bocca e cerca di bere questo nostro dono.
    
    – mi sentii ordinare perentoriamente dalla soldatessa.
    
    Sul mio viso arrivarono le prime goccie dalla vulva della dottoressa, spalancai la bocca e bevvi quel liquido salato e caldo. Intanto l’altra iniziò a farmela proprio sui miei genitali.
    
    Quando poi si accovacciò sul mio viso per farsi ripulire riuscii appena a tirare fuori la lingua che, travolta dalla girandola di sensazioni fisiche e mentali svenni di nuovo.
    
    Non so cosa accadde dopo: ero totalmente crollata… le fatiche del viaggio ed i due giorni ormai senza sonno fecero il resto.
    
    Ricordo solo che mi ritrovai a sognare di rivivere, eccitata, quanto mi era stato appena fatto, quando mi sentii risvegliare dalla voce della soldatessa.
    
    Ero nella sua stanza, coricata su di un pagliericcio a terra.
    
    Bentornata
    
    – mi disse –
    
    Spero che tu abbia riposato bene: oggi ti aspetta una lunga giornata. Ripulisciti e mangia qualcosa. Io sto uscendo ma sarò di nuovo qui in pochi minuti. Devi essere presentabile ed in forze per quello che dovrai fare oggi.
    
    Non sapevo davvero come interpretare le sue parole: mi aveva abituata ormai all’alternarsi di atteggiamenti… 
«12...9101112»