1. Francesca (1a parte)


    Data: 16/09/2020, Categorie: Etero Autore: robgra63, Fonte: Annunci69

    FRANCESCA
    
    Francesca aveva molti amici, era normale a 18 anni ; quelli che sceglieva lei, e quelli che la sceglievano. Lei credeva molto nell’amicizia, come tutti i ragazzi della sua età, ma Francesca aveva anche un singolare difetto : era molto ingenua. Tutti le dicevano sempre che lo era, anche sua madre e altri adulti che frequentavano casa sua.
    
    Tra questi c’era uno in particolare che l’intrigava non poco. Era un amico di suo padre, forse un po’ più giovane o forse dimostrava meno età di lui. Quaranta o poco meno oppure un po’ di più. Quello che la intrigava, erano i suoi occhi e il suo fisico.
    
    Non è che avesse una cotta, lo guardava solamente e lo misurava come uomo, senza considerazioni di nessun tipo, né erotiche né tantomeno sentimentali.
    
    Lorenzo aveva occhi blù su una carnagione e dei capelli decisamente scuri. Era alto e snello di fianchi, con spalle belle larghe a dimostrare lo sport che praticava, il nuoto ! Diciamo, pensava Francesca quando lo incontrava in casa sua, che era decisamente bello ! Inoltre aveva una voce dal suono caldo e limpido, coinvolgente e convincente.
    
    Le sue amiche avevano anche loro notato il suo aspetto e ogni volta che capitava d’incontrarlo, ne parlavano con la curiosità un po’ morbosa delle ragazze che sono ....quasi, non proprio donne..
    
    Lei non aveva un ragazzo, tranne quelli della loro compagnia, ai quali ogni tanto concedeva un po’ del suo tempo libero fuori dal gruppo, ma senza preferenze particolari. Certo alcuni di loro le piacevano un po’ di più di altri, ma non si sentiva interessata a diventare la fissa di nessuno di loro. Con alcuni aveva un rapporto un po’ più intimo e si lasciava andare anche a qualche bacio e carezza più intensa.
    
    Con Roberto ad esempio, aveva provato a prendere il suo pene in bocca, ma vuoi il suo odore (nuovo per lei) di maschio, vuoi la paura di chissà quale conseguenza nella loro amicizia, non era riuscita né a fare godere lui, ne tantomeno a provare qualche cosa lei, che non fosse un’emozione e un piacevole fremito in mezzo alle gambe.
    
    Le piaceva molto invece masturbare Toni, aveva un bel membro liscio e diritto, che quand’era eretto poteva essere importante nella mano. Lo sentiva sodo e pulsante, caldo e piacevole anche come aspetto, con la sua punta rosa liscia e rotonda che usciva dalla pelle quando lei toccandolo in mezzo alle cosce e carezzandogli le palle calde e pelose, lo faceva rizzare, dritto e spavaldo.
    
    Allora se lo prendeva in mano, un po’ tremante dall’emozione, lo stringeva nel palmo avvolgendolo con le dita tremanti. Di solito Toni, si rilassava, stendendo le gambe e chiudendo gli occhi. Non chiedeva altro che lei lo carezzasse e muovendo le dita strette sull’asta dritta, facesse scivolare su e giù la pelle del suo pene facendolo venire quasi immediatamente.
    
    Assaporava Francesca quella sensazione che le procurava sentirlo diventare sempre più duro e lungo, vedere la sua cappella lucida, coprirsi dalla pelle mentre lei arrivava sino a ...
«123»