1. COME È NATO LORY CAVALCANTE


    Data: 13/09/2020, Categorie: Anale Gay / Bisex Autore: Lorycavalcante, Fonte: xHamster

    Come ho già scritto nella breve presentazione nel primo post del mio Blog, Lorycavalcante84.blogspot.it Lory Cavalcante è il mio nome d'arte. In realtà il mio vero nome è Lorenzo D'Amico. Mi fu dato da un mio conoscente, Giacomo, un uomo di 52 anni che all'epoca, di tanto in tanto mi scopava. Era il tipico uomo solo che passava le giornate davanti alla tv a guardare i film porno. Di giorno faceva il muratore, alcune volte lo andavo a trovare anche sul lavoro. Anche se in paese sapevano un po tutti che mi piaceva il cazzo (non ne ho mai fatto mistero. Ho imposto le mie voglie fin da subito. Un po scioccamente forse...) lui non ha mai fatto cenno davanti ai suoi colleghi del fatto che mi scopava, si comportava come se fossi un amico qualunque. Forse si vergognava, aveva paura che gli altri lo deridessero, ma io credo che sia stato soprattutto per non mettermi in imbarazzo. Era un uomo buono Giacomo. Lo conobbi in una sala giochi che frequentavo nel pomeriggio. In quei mitici anni quando internet era ancora una cosa fuori dalla portata di molti ragazzi, è li che nascevano i miei incontri di sesso. Mi facevo un po usare da chiunque. C'erano anche allora gli sbruffoni che si divertivano ad insultare chi magari aveva i gusti diversi dai loro, ma c'è da dire che molti venivano da me a chiedere se glielo facevo mettere dentro. La prima volta che mi feci montare da lui, fu una sera d'estate. Stavamo tornando verso casa dopo la chiusura della sala giochi, facevamo sempre un tratto di strada insieme quando io non avevo altri programmi, e parlando del più e del meno, Giacomo portò il discorso a quelle strane voci che giravano sul mio conto nel locale. Confermai tutto, li dissi che mi piaceva fare sesso con i maschi, sentire il loro corpo sul mio e soprattutto farmi possedere, sentirmi fisicamente e psicologicamente nelle mani del maschio. In poche parole sentirmi un oggetto sessuale da sbattere come si vuole. Giacomo rimase in silenzio per un po, pensavo che lo avessi scioccato, anche se non ne capivo il perché, dopo tutto per me era una cosa normale, è la mia natura, invece stava cercando un modo più accomodante per dirmi che anche lui avrebbe voluto fottermi. 《Sai, le tue parole mi hanno colpito, non sono mai stato con un maschio, a dire la verità nemmeno a donne sono messo bene, ma penso che siano davvero fortunati i tuoi "amici". Se solo fossi più giovane, magari potrei attirare la tua attenzione anch'io》. Mi sentii lo stomaco liquefarsi. Non so agli altri cosa succede, ho sempre voglia di cazzo ma quando mi sale davvero la voglia sento un piacevole formicolio nella parte tra l'ano e i testicoli, e sento la parte appena dentro l'ano come se pulsasse, questo mi succede anche tutte le volte che succhio un bel cazzo. Non so se dipendesse dal fatto che quel giorno non avevo scopato o perche Giacomo era un uomo che conoscevo da sempre perché aveva lavorato per un po di tempo con mio padre, fatto sta che le sue parole s**tenarono in me tutte queste sensazioni. ...
«123»