1. Piedi assonnati


    Data: 07/08/2020, Categorie: Feticismo Autore: Anonimo X, Fonte: EroticiRacconti

    Sera d'estate. Eravamo entrambi sul divano, io seduto sull'ultimo angolino rimasto disponibile, lei comodamente sdraiata sui due metri rimasti, la testa dalla parte opposta e i suoi piedi pericolosamente vicini a me. Come ogni sera, dopo aver accuratamente scelto un film, si era addormentata alla prima scena, lasciandomi solo con il cellulare e con la visione impudica del suo culo tondo e abbronzato. Nel dormiveglia, le punte dei suoi piedi, morbidi e affusolati, si muovevano in maniera incontrollata e ad ogni sussulto il mio pene si allungava per raggiungere quelle dolci estremità. Era un istinto che non riuscivo a dominare. Quei piedi con la pianta bianca e il dorso abbronzato, simili a quelli di una negra, mi facevano impazzire. Al primo sparo del cattivo di turno, cominciò a svegliarsi. Allungò le gambe per stirarsi e i piedi inevitabilmente si poggiarono sul mio pacco. "Uhm!...". Un suo mugolio sornione accompagnò quel gesto. Si era accorta della mia eccitazione e adesso per provocarmi continuò ad accarezzarmi. Il pene in tensione premeva forte sui boxer e lei volle darmi sollievo liberandolo da quella gabbia. Con l'alluce smaltato utilizzato come una pinza, afferrò l'elastico e tirò giù le mutande. Il cazzo schizzò fuori come una molla. Ormai i suoi propositi erano chiari ed io assecondavo ben volentieri le sue pratiche. A quel punto divarico' le gambe davanti a me. Un piede lo appoggio' sul mio uccello continuando a premere forte come fosse il pedale dell'acceleratore, il destro, invece, lo chiuse a punta e lo infilò tutto nella mia bocca, facendo bella mostra dei suoi trascorsi piccolo borghese da danzatrice classica. Sapeva bene quanto adorassi i suoi piedi. Ero completamente dominato e cominciai a sbavargli addosso leccando e succhiando avidamente la punta delle sua dita. Con un gesto della mano, si scostò il perizoma e cominciò ad accarezzarsi. Mi mise il piede in testa e spingendo con la gamba mi fece capire cosa voleva che facessi. Subito sprofondai la faccia sulla sua fica e cominciai a leccare con forza. Per bloccarmi in quella posizione e prolungare il suo piacere, mi schiacciò la schiena con i suoi piedi e afferrò i capelli per tenermi fermo lì davanti a lei mentre si strofinava sulla mia bocca. Mentre stava per godere, si divincolo' di scatto dicendomi che voleva il mio cazzo dentro. Mi misi in piedi sul divano, una gamba ben piantata a terra e l'altra sul cuscino. Quella posa da divinità greca lasciava in bella mostra tutta la potenza del mio cazzo in completa erezione. Si mise carponi davanti a me. Voleva assaggiarlo. Con la mano destra a cucchiaio afferrò le palle gonfie e cominciò a massaggiarle facendole roteare sulle dita come fosse un bicchiere di brandy. Con l'altra mano, strinse il mio culo affondando la carne con le unghie. In un attimo, con quella presa perfetta, inghiottì fino in gola il mio uccello succhiandolo e leccandolo con forti gorgoglii. Da brava cagnolina mi leccò anche le palle e poi più giù. Ero al massimo ...
«12»