1. Una notte al pronto soccorso.


    Data: 19/07/2020, Categorie: Autoerotismo Erotici Racconti Voyeur Autore: giusagoma, Fonte: RaccontiMilu

    Vi racconterò di un episodio realmente accaduto quando avevo circa 35 anni e vivevo ancora coi miei genitori. Quella notte dormivo profondamente, forse stavo anche sognando, ma d’improvviso venni svegliato da mio padre che mi chiedeva di accompagnarlo in ospedale insieme a mia madre in quanto lei non si sentiva per nulla bene. Io, preoccupatissimo, mi vestii in un lampo e in poco tempo ci ritrovammo al pronto soccorso per una visita d’emergenza.
    
    Erano da poco passate le tre del mattino ed io mi ritrovai in una stanza fredda, piena di uomini in camice bianco e verde che circondavano un lettino sul quale era distesa mia madre.
    
    Lei, un po’ assopita dal malessere, indossava una tuta grigia infilata frettolosamente prima di uscire di casa. Anch’io ero frastornato, ma per il brusco risveglio provocatomi da mio padre nel cuore della notte.
    
    Era lì sul lettino. Una donna anonima coi suoi 60 anni di età. La schiena leggermente sollevata dallo schienale un po’ inclinato. Io mi trovavo ai suoi piedi e la vedevo frontalmente. Il medico inizia la visita. “Direi di eseguire subito un elettrocardiogramma”, esclama. E così inizia la preparazione a questo esame. Io assisto imperterrito ai loro lenti ed accurati movimenti. Inizia l’infermiere. Allunga una mano portandola alla base della giacca della tuta di lei e con un movimento fulmineo la solleva spingendola e raccogliendola verso il collo.
    
    Rapidamente vedo sgusciare fuori dalla giacca prima una mammella e poi l’altra. Entrambe rimbalzano giù sullo sterno un paio di volte. Sembrano due giganteschi budini con al centro due grossi capezzoloni scuri come due piccole ciliegine. Turgidissimi, forse anche per effetto della bassa temperatura presente nella sala del pronto soccorso. Le areole scure color nocciola fanno risaltare ancora di più la pelle bianca circostante. Sembrano morbide ma allo stesso tempo ancora sode malgrado l’età.
    
    Io ero letteralmente impietrito. Mai mi sarei immaginato che sotto quella giacca della tuta non c’era nulla, neppure il reggiseno. In quel momento mi chiedevo se anche i medici, seppur abituati a spettacoli simili, in quel frangente fossero rimasti sorpresi da quella inaspettata nudità o forse ancor più dalla sua prosperosità, per nulla sospettabile guardandole la giacca addosso.
    
    Ma il meglio doveva ancora arrivare. Il dottore sembrava indifferente da quello spettacolo che, al contrario, su di me aveva provocato una instantanea erezione. Ostentando ancora indifferenza a quelle grazie di dio, afferrò dal basso con mano aperta e curva a forma di cucchiaio, la mammella in corrispondenza del cuore. Con rapidità la sollevo verso di se per applicare meglio gli elettrodi. Prima uno, poi un altro, poi un altro ancora… Non ricordo più quanti ne mise ma erano tutti disposti a circondare quell’enorme protuberanza che adesso risaltava ancora di più in quanto la evidenziavano. Nel fare ciò aveva anche più volte urtato il capezzolo che si era ulteriormente irrigidito diventando ...
«12»