1. Dora & Dora


    Data: 17/09/2017, Categorie: Incesti Autore: arturo02, Fonte: RaccontiMilu

    Dora & Dora
    
    By Arturo
    
    Lele dorme tranquillo nella culla, Tony è fuori città per lavoro, questa notte sono sola dinanzi a questo foglio, non posso più mentire a me stessa come ho fatto per questi ultimi sette anni; esistono due Dora che convivono separate, senza punti di contatto, pronte a scambiarsi i ruoli in frazioni di secondo, senza mentirsi, sanno esattamente cosa sono. Ripercorre questi anni a cosa può servirmi? Forse ora sono in crisi, la convivenza sta diventando difficile, una delle due vuole prendere il sopravvento e, rivederle nel passato, può ristabilire l’equilibrio perché in fondo è questo che voglio; devono vivere entrambe perché io sono entrambe. Una normale giovane donna sposata e felice e una ‘tossicomane’ del sesso, schiava però di due soli uomini anche se altri sono passati.
    
    Com’è iniziato? Quel giorno di luglio a Rapallo, nella villa della nonna; avevo 18 anni e un ragazzo della mia età, con la stessa mia ingenuità sessuale, rapporti che sembravano meravigliosi. Una vita normale di ragazza ricca, senza padre, morto quando ero piccola, di cui non ricordo nulla. La mamma molto bella e giovane, carattere abbastanza duro e fiero, che mi ha allevato da sola con i nonni sino a 10 anni prima di risposarsi con Davide, anche lui vedovo con un figlio, Andrea. Per me padre e fratello a tutti gli effetti, considerati tali da sempre. Una vita sino allora normalissima, come normalissima mi sono sempre sentita. Bella anch’io come mamma, un fisico notevole, ...
    ... corteggiata e ricercata anche per la simpatia e la socievolezza.
    
    Tutto è iniziato quel giorno, nel bagno della mia camera, di mattino: ‘ sono nella vasca ed entra Andrea, come il solito senza preoccuparsi di cosa sto facendo. Inizia la solita rissa con me che urlo ‘perché non usi il tuo bagno?’, lui in costume che si pettina senza rispondermi, trattandomi con strafottenza come il solito, io che urlo ancora’perché cazzo non usi il tuo bagno?’, lui che senza una parola, si gira, mi fissa con uno sguardo strano, si avvicina alla vasca, si ferma davanti a me, io che m’inginocchio (non ho mai avuto problemi a farmi vedere nuda da Andrea) e lo fisso furiosa e lui che sbotta serio ‘perché mi piace guardarti nuda!’.Quest’uscita mi lascia completamente interdetta, non replico nulla e lo guardo a bocca aperta come un’ebete; per un tempo che mi pare lunghissimo ci guardiamo negli occhi in silenzio, lui con un’espressione che non dimenticherò mai e che non gli avevo mai visto; io impalata in ginocchio nella vasca; con un rapido gesto si toglie il costume e rimane dinanzi a me con il suo pene in erezione che mi dondola dinanzi agli occhi; io che sono ipnotizzata a fissare il suo cazzo e in un rapido alternarsi lo fisso negli occhi e guardo il suo cazzo. A cosa penso? Assolutamente a nulla, resto immobile nella mia posizione e vedo solo il suo cazzo. Sento la sua mano che lentamente mi passa dietro la nuca e mi spinge il viso contro il suo inguine; la mia reazione è di voltare la faccia, ...
«1234...24»